Archive

agosto 2017

Browsing

Informazioni utili e consigli per la visita al Bosco di Scoparella e allo Jazzo del Demonio, un luogo magico e leggendario nel Parco Nazionale dell’Alta Murgia. Una piacevole Domenica d’Agosto, pomeriggio, Puglia. Siamo incredibilmente liberi da impegni, eventi e viaggi. Che fare, nella nostra amata Puglia? C’è un posto, molto bello e selvaggio, dove ci piace sempre ritornare. E’ il Parco Nazionale dell’Alta Murgia, una vasta fetta di territorio pugliese conteso tra Gravina in Puglia, Altamura, Ruvo di Puglia, Corato, Spinazzola ed altri comuni minori. La nostra scelta domenicale ricade su questo posto magico e quasi surreale, con una fitta vegetazione e dove anticamente si praticava la transumanza. I pastori con i loro greggi, in pellegrinaggio, percorrevano per mesi le vie chiamate “tratturi” e trovavano ospitalità negli jazzi. In particolare, abbiamo deciso di fare un’escursione nel Bosco Scoparella, a circa 12km da Ruvo di Puglia, per scoprire lo Jazzo del…

La cava di bauxite di Otranto: dove si trova e le informazioni utili per la visita in questo paesaggio surreale e magico. La Puglia che seduce, tra cromatismi e giochi di luci e ombre. Nel più estremo e meridionale Salento, nei pressi di Otranto, sulla costa Adriatica, si estende un paesaggio surreale e quasi “alieno”, dalle cromature naturali intense e contrastanti, che si amalgamano a creare un dipinto sublime ed unico nel suo genere. Ogni volta che rimetto piede in terra d’Otranto, non posso far a meno di ritornarci e contemplare la bellezza di questo posto. Si tratta di una ex Cava di Bauxite che corona la baia delle Orte. Una vasta distesa di terra rossa, puntellata da collinette ricche di vegetazione verde e folta, in cui venature e spaccature si dissipano ripetutamente fino a creare una depressione con un laghetto di un colore particolare, che sfuma dal verde all’azzurro.…

Il Volo dell’Angelo: adrenalina e bellezza nelle Dolomiti Lucane, informazioni utili per questa magica esperienza e per la visita del borgo. Tra vicoli e valli, fascino e adrenalina. Nel cuore della Basilicata si ergono, imponenti, in un territorio che mescola folti boschi di querce a tratti brulli e rocciosi, le Dolomiti Lucane, rinominate localmente come i “giganti buoni”. Si tratta di un gruppo montuoso che domina la Val Basento, la cui nascita risale circa a 15 milioni di anni fa, quando, nel mare, si formarono le arenarie di cui oggi sono costituite le rocce. Le cime scoscese delle Dolomiti sono state cosi’ tanto modellate dall’azione millenaria degli agenti atmosferici, che han formato delle guglie acuminate e delle sagome bizzarre, tanto da attribuire nomi fantasiosi a ciascuna roccia: l’aquila reale, l’incudine, la grande madre, la civetta. Benché le guglie risultino quasi prive di vegetazione, si trovano interessanti specie di piante quali la valeriana…

Inline
Inline