Archive

gennaio 2021

Browsing

Cosa vedere a Procida in un week-end: guida completa alla visita di quest’isola, le spiagge più belle, cosa fare e cosa vedere a Procida. Da Virgilio a Boccaccio. Da Elsa Morante a Massimo Troisi. Procida, dal nome così epico e lontano, sembra il nome di una magnifica donna greca, un personaggio inventato della mia personale Iliade. Ha ispirato e incantato anche autori e registi che l’hanno riportata nelle loro opere letterarie e cinematografiche, il Decamerone, il Postino e l’Isola di Arturo sono alcune tra queste. L’isola di Procida è la terza per estensione delle Isole Flegree, si trova in Campania, nel Golfo di Napoli, ed è stata nominata Capitale della Cultura 2022. L’isola è il frutto dell’eruzione di ben quattro vulcani, le loro bocche sono ben riconoscibili e formano le principali spiagge di Procida. A differenza delle sorelle maggiori, Ischia e Capri, Procida è più autentica, mi piace definirla una signora…

8 consigli ecosostenibili da applicare nella vita quotidiana per risparmiare in casa (e non) e a basso impatto ecologico per salvare il Pianeta. Stamani leggevo per l’ennesima volta che il nostro impatto ambientale sta andando ben oltre il previsto, e che il nostro pianeta sta consumando risorse per esattamente due pianeti e sette. E che di questo passo nel 2050 saremo in ginocchio. Alle porte di Londra hanno creato un villaggio completamente ecosostenibile, Bedzed, -letteralmente Beddington Zero Energy Development- ossia il primo insediamento a zero emissioni di CO2, progettato dall’architetto Bill Dunster, senza emissioni fin dal momento della sua costruzione. 240 abitanti e case ricoperte in legno di quercia isolante, pannelli fotovoltaici, acqua piovana riciclata, finestre con triple vetrate, colonnine per ricaricare l’auto elettrica ed in una zona ben servita da mezzi pubblici. Un esperimento. Dopo sette anni le statistiche sono state deludenti: gli abitanti di Bedzed a quanto pare hanno un impatto ambientale molto alto,…

Le migliori location dove fare glamping in Piemonte, per una vacanza completamente immersi nella natura con tutti i comfort di un hotel! Glamping: se ne sente tanto parlare ultimamente ma non a tutti è ben chiaro il significato. L’etica green ed eco friendly verso cui si sta dirigendo il nostro pianeta ha introdotto molte innovazioni a livello sociale, economico, culturale ed istituzionale, e di riflesso anche nella vita di ogni giorno di ogni persona. L’ecosostenibilità, questo parolone che in realtà cela Amore e rispetto per l’ambiente, ha sviluppato tante altre sotto categorie in ogni ambito della nostra esistenza. Uno di questi ambiti è proprio il settore travel, che si evolve e si trasforma molto spesso seguendo le statistiche dei desideri delle menti e delle masse. E sempre seguendo uno stile di vita e di viaggio eco friendly, da qualche anno è possibile anche fare Glamping. Nato in Sudafrica come pretesto…

Che cosa è il Glamping, come è nato e quanto costa: storia e curiosità di questa nuova forma di vacanze immersi totalmente nella natura. Ultimamente se n’è sentito tanto parlare: il Glamping, questo strano ed arcano termine. Si tratta di una nuova frontiera del turismo ecosostenibile che sta prendendo piede nell’ultimo decennio, che sposa l’etica della vacanza wild nella natura, al soggiorno di lusso, alle comodità e ai comfort di una vera e propria vacanza pentastellata. L’ideale per chi ama rigenerarsi nella natura ma non vuole sopperire allo stress del campeggio e del faidate anche in vacanza: ti spiego di cosa si tratta. Cosa è il Glamping, con precisione? Facciamo chiarezza nel termine. La parola glamping deriva dalla fusione delle parole glamour e camping. Questa parola ha origine in Inghilterra nel 2005, per poi esser inserita a tutti gli effetti nel dizionario di Oxford nel 2016. Si tratta di un nuovo…

Itinerario a piedi a L’Avana Vecchia: cosa fare e cosa vedere in un giorno nella zona antica della capitale cubana. Il viaggio a Cuba mi ha cambiata tanto. E mi ha dato tanto. Cuba ha un’anima a sè. Autentica, vera. Ed io l’ho respirata. Perdendomi tra i vicoli eleganti e fatiscenti di Trinidad, nelle campagne selvagge viaggiando verso Guanayara e la Valle Viñales, nel viso dei guajiros baciati e bruciati dal Sole, nei loro occhi, così profondi e veri. L’ho gustata bevendo un guarapo sulla sedia a dondolo di un salotto cubano; nelle pietanze preparate da Gino, nella casas particulares dove mi ha accolta e coccolata; fumando un sigaro profumato davanti ad una finestra sui campi di tabacco con la terra rossa. L’ho amata in quei risvegli lenti al suono degli zoccoli dei cavalli sui viali acciottolati; nell’urlo del panettiere mattutino, U PAN!, U PAN!, nelle rughe dei popoli delle…

Inline
Inline