Autore

Annalisa De Chirico

Browsing

Pamukkale in un giorno: cosa fare e vedere in questa meravigliosa oasi naturale turca. Consigli ed informazioni utili. Che più bianco non si può. Pamukkale, che in italiano significa castello di cotone, è un’attrazione naturalistica nella provincia di Denizli, nel sud-ovest della Turchia. La piccola cittadina annessa all’area naturalistica è famosa per le sue terrazze in travertino, una roccia sedimentaria depositata dall’acqua delle sorgenti termali presenti nella zona. L’acqua che emerge da queste sorgenti è ricca di carbonato di calcio. Quando raggiunge la superficie, l’anidride carbonica si stacca dall’acqua, depositando il carbonato di calcio come un gel morbido che alla fine si cristallizza in travertino. La temperatura dell’acqua è di circa 35° C e ha numerose proprietà curative, per questo, in passato, era utilizzata come SPA. Nel corso degli anni, il turismo di massa ha causato numerosi danni a questa zona e per preservare il territorio si è ritenuto necessario…

Cosa vedere a Tashkent, in Uzbekistan: la guida definitiva per una visita completa alla città. Diario di viaggio a Tashkent. Oggi ospitiamo sul blog Francesca Rossi, una pazzerella anima vagante (e solitaria) partita ad Ottobre 2019 per Slovacchia, Islanda, Corea del Sud, Vietnam, Corea del Nord, Cina, Kazakistan e Uzbekistan. A causa del Covid-19, a Marzo 2020 è dovuta rientrare in Italia. Augurandole di tornare “sulla strada” al più presto possibile, oggi pubblichiamo il suo delizioso ed emozionante diario di viaggio in Uzbekistan, più precisamente a Tashkent, la capitale. Un interessante reportage di viaggio in Asia Centrale, sulla Via della Seta. Trovate Francesca su Instagram come @francisporelmundo. Buona lettura 🙂 Liz ♥ Era un grigia domenica di Febbraio quando decisi che era giunta l’ora di raggiungere la terra del plov e di Samarcanda, l’Uzbekistan. Mi trovavo a Shymkent (capitale della cultura kazaka) e l’Uzbekistan era lì a pochi chilometri di…

Abruzzo: tour di 4 giorni da Pescasseroli, l’itinerario perfetto alla scoperta di questa meravigliosa regione italiana. Avevo ricordi sfuocati di giornate di sole nel Parco Nazionale, su sentieri sterrati con mamma e papà, cercando di scovare il cervo o lo scoiattolo, o magari l’orso in tutta quella verde prateria. Mi ricordavo vagamente i risvegli a Pescasseroli, aprivo la finestra e guardavo le montagne, respiravo l’aria pulita e fresca, sognavo di abitare, un giorno, in una di quelle casette con il tetto con le tegole in cotto. Quanto mi piaceva. Allora avevo pochi anni e poca consapevolezza, ma quella natura così viva, quel palesarsi ai miei occhi senza indugio, ha lasciato le impronte nel cuore di una terra sacra, di una terra viva, di una terra bellissima che merita rispetto, tanto rispetto. Così a distanza di più di vent’anni, ho deciso di ritornarci, con il mio compagno Marcello e con la…

Tour dell’Andalusia in due settimane: tutte le tappe e le informazioni utili per un itinerario fai da te.  Gli occhi si deliziano con architetture dorate e color crema, dalle linee arabeggianti. Nelle orecchie risuonano le note d’un malinconico e rabbioso flamenco. Il palato ed il naso godono di profumi e sapori genuini, caldi, speziati. Sulla pelle il caldo sole si posa, mai s’oscura, regala gioia, sorrisi, benessere. Oh, Andalusia. Quanto ti ho amata. Scrivo questo post in una gelida serata invernale, la mia carrellata di viaggi è temporaneamente sospesa per almeno un mese, non viaggio da circa tredici giorni e la nostalgia d’un aereo, d’un bus, d’un treno, d’una stazione o aeroporto già si fa sentire. Così scrivo di viaggi, e stasera voglio farlo rimembrando un pezzo di Mondo strabiliante, un pezzo di Spagna che rievoca l’Oriente, così diverso e straordinariamente bello: scrivo dell’Andalusia. In questo post voglio darvi qualche…

Visitare Strasburgo in pochi giorni: la guida completa su cosa fare, cosa vedere, cosa mangiare e dove dormire. Qualche giorno fa siam tornati da Strasburgo. Una città che avevamo scoperto solo in fotografia assieme ad altre cittadine dell’Alsazia. Ci attiravano tanto le sue casette con cemento e travi lignee, tutte graziose e curate nel dettaglio, colorate ed in fiore, e ce ne siamo poi innamorati quando l’abbiamo vista (sempre in fotografia) in tema natalizio: Strasburgo è una delle mete più blasonate per i mercatini di Natale in Europa. Così, in alcune giornate di Febbraio, abbiamo deciso di esplorarla. Siamo arrivati a Baden Baden in aereo, grazie ad un volo super low cost, e con un transfer abbiamo raggiunto Strasburgo di sera, in circa cinquanta minuti di auto. Era sera tarda, in giro non un’anima. Il transfer si era fermato esattamente nella stradina di fronte la Cattedrale di Notre Dame di…

Il marsupio portabebè: quale scegliere per un dispositivo ergonomico e che non danneggi la salute del bambino. Ricordo ancora lucidamente il periodo della mia gravidanza. Quel periodo di transizione, da due a tre, quel periodo di profonda attesa e di un’ardente voglia di incontrare quei due occhietti da vicino. Quel periodo in cui, per ovvie motivazioni, la domanda costante è una: come cambierà la mia -la nostra- vita? L’arrivo di un figlio implica uno stravolgimento. Di vita, di tempo, di programmi. Di cose. Di situazioni. Una delle mie paure più grandi era quella di non poter più viaggiare come prima. Di non avere più libertà di spostamento, di orari. Eppure mi son contraddetta subito. A due mesi e mezzo, India era già sull’aereo. E da allora continua a viaggiare con noi una volta al mese. Ho imparato che innanzitutto bisogna proprio abolire le ansie da prestazione. E non ascoltare nessuno.…

Cosa vedere a Bordeaux, la città del vino francese: dove dormire, cosa mangiare, come muoversi e suggerimenti utili alla visita. E chi se lo immaginava che nel Sud Ovest Francese, alle porte della costa Atlantica, Bordeaux (l’antica città romana Burdigala) nascondesse quest’animo alternativo e così rispettoso dell’ambiente. In un territorio fertile e generoso per la vite, esistono due facce della stessa città che convivono in armonia, speculari l’una all’altra, senza competizioni. Una parte vocata alla valorizzazione dei suoi regali edifici storici, delle eleganti piazze e dei pazienti musei, narratori instancabili della sua grande storia. Alle degustazioni e alla scoperta delle note dolci o acidule del nettare degli dei, il vino, qui croce e delizia. Poi vi è l’altra Bordeaux, molto più underground, anticonvenzionale e controcorrente. Con i suoi agglomerati ecosostenibili, la street art, i pantaloni a zampa d’elefante sempre di moda, i mercatini dell’usato, il riciclo solidale, gli orti botanici…

Ostuni: guida completa alla perla bianca di Puglia. Una Domenica ad Ostuni. C’ero stata tanto tempo fa, e non ci tornavo da così tanto. Tanto da non ricordarla più. E da buona Pugliese che si rispetti, una Domenica, più precisamente la seconda Domenica di un Gennaio qualunque, ho scelto di ritornarci, in concomitanza al mercatino delle pulci che si tiene in Piazza Matteotti e nella Villa Comunale. Ho scelto di andarmi a respirare un po’ di quella Puglia che piace tanto a chi la scopre per la prima volta. Un po’di quella Puglia rinomata persino all’estero, che lascia il segno per quanto bella e sorprendevole. Astu – Neon, dal greco, “città nuova”. Una città che tanto nuova poi non è, che porta con fierezza le rughe di almeno duemila anni di storia, che vanta ritrovamenti dell’epoca paleolitica. Ostuni si erge su tre colli, alle porte della strabiliante Valle d’Itria. Riscoprirla…

Cosa vedere a Vienna, itinerario in città. Una guida completa su cosa vedere a Vienna in pochi giorni e consigli utili alla visita. Qualche giorno fa sono tornata da Vienna. Mi piace definire Vienna “una signora”. Una signora con la S maiuscola. Vienna è regale. E’ composta, perfetta, pulita, precisa. E’ nobile. Impeccabile. Vienna è diversa -tanto diversa- da tante altre capitali Europee. Durante la mia visita in città non ho visto nessun palazzo decadente, nessuna cartaccia per terra, nessun ritardo dei mezzi di trasporto. Era tutto messo al posto. Tutto apparecchiato. Sembrava tutto pronto per essere ammirato. E non la chiami Signora? In questo post voglio parlarvi di cosa vedere a Vienna in pochi giorni. Tre giorni pieni sono l’ideale per poterla conoscere e avere una piccola infarinatura generale della città: naturalmente spostandovi con i mezzi (alcune attrazioni sono veramente molto lontane l’una dall’altra) e mettendovi in cammino presto…

Tour di Lanzarote da Nord a Sud: la guida completa su cosa fare e cosa vedere a Lanzarote, come muoversi, itinerario, spiagge, curiosità. Mi chiedo se esistano delle parole congrue per descrivere le forti emozioni. Forti ed indimenticabili emozioni come quelle che ho provato io, in un piccolo isolotto al largo dell’Oceano Atlantico, di cui ne ignoravo completamente l’esistenza fino a qualche tempo fa. Mi chiedo ancora come classificare quello stato d’animo di adrenalina frammista a stupore e grande eccitazione che mi ha accompagnata scoprendo Lanzarote, l’isola delle Canarie più orientale e più vicina a terraferma, che fronteggia l’estremo e selvaggio Marocco meridionale. In questo post voglio parlarvi di cosa fare e cosa vedere a Lanzarote, che abbiate pochi o tanti giorni di viaggio. Ma prima, permettetemi di fare delle considerazioni personali. Fine Marzo, un Sole fioco nel mio sud Italia alla partenza, un Sole caldo e deciso nelle isole…

Inline
Inline