Archive

marzo 2021

Browsing

La ricetta originale della Apple Crumble, il deliziosissimo dolce tradizionale inglese: ingredienti e procedimento per prepararlo al meglio. Dal calore delle nostre cucine voliamo per un attimo in Inghilterra (e in Irlanda) per gustare uno dei dolci tipici della tradizione inglese ed irlandese: la Apple Crumble. La Apple Crumble ha origine ai tempi della Seconda Guerra Mondiale, quando purtroppo le risorse alimentari non eran molte e bisognava arrangiarsi con quel che si trovava nei negozi e… nel frigorifero! Questo dolce è di facilissima e velocissima preparazione ed è super saporito. Mi sono incuriosita (e l’ho preparata) da quando ho sentito Marcello raccontare della sua parentesi di vita a Londra, dove la preparava in un ristorante, la mangiava regolarmente e ne era ghiottissimo. Effettivamente… anch’io mi sono leccata i baffi! Di seguito la ricetta per una perfetta Apple Crumble! Ingredienti per una teglia da 24 cm: 700g di mele (puoi utilizzare…

Cliffs of Moher da Dublino, guida alla visita. Cosa fare, cosa vedere e come arrivare alle scogliere più famose d’Irlanda. Cliffs of Moher: che ricordo meraviglioso nutro nel cuore e nella mente. Nonostante siano le scogliere più famose d’Irlanda; nonostante vengano prese d’assalto in tutti i periodi dell’anno dal turismo di massa; nonostante mi aspettavo una grande delusione da questo angolo di Mondo; e anche nonostante l’amaro e plumbeo cielo di Marzo… ho deciso comunque di prendere un autobus da Dublino e raggiungerle. Male che sarebbe andata, ne avrei scritto male, senza farmi scrupoli. Si sa, molto spesso vi è un abisso tra il guardare una fotografia meravigliosa e poi viverne la verità sulla pelle. Un po’ come le case in vendita che le agenzie immobiliari ti mostrano sul PC 😉 E invece mi son dovuta subito ricredere. Un po’ perché il viaggio su quattro ruote sulla Wild Atlantic Way…

Cosa vedere a Procida in un week-end: guida completa alla visita di quest’isola, le spiagge più belle, cosa fare e cosa vedere a Procida. Da Virgilio a Boccaccio. Da Elsa Morante a Massimo Troisi. Procida, dal nome così epico e lontano, sembra il nome di una magnifica donna greca, un personaggio inventato della mia personale Iliade. Ha ispirato e incantato anche autori e registi che l’hanno riportata nelle loro opere letterarie e cinematografiche, il Decamerone, il Postino e l’Isola di Arturo sono alcune tra queste. L’isola di Procida è la terza per estensione delle Isole Flegree, si trova in Campania, nel Golfo di Napoli, ed è stata nominata Capitale della Cultura 2022. L’isola è il frutto dell’eruzione di ben quattro vulcani, le loro bocche sono ben riconoscibili e formano le principali spiagge di Procida. A differenza delle sorelle maggiori, Ischia e Capri, Procida è più autentica, mi piace definirla una signora…

Escursione e Trekking nella Foresta Umbra sul Gargano. Domenica 27 giugno, assieme agli amici dell’Associazione DauniaTur avremo l’opportunità di scoprire lo scrigno di biodiversità più importante di tutta la nostra meravigliosa Puglia. La spettacolare Foresta Umbra! Unisciti a noi e vivi una mattinata immerso nella Natura più incontaminata al riparo dal sole estivo. Lo sapevi che la Foresta Umbra è la dimora di numerose specie animali ormai rarissime su tutto il territorio? In questo luogo incantato vi dimorano volpi, tassi, lepri, scoiattoli, cinghiali, donnole, gatti selvatici e persino daini e caprioli. Nascosti nel folto della vegetazione vi trovano riparo persino il cervo ed il lupo appenninico. Numerosissima inoltre è l’avifauna con la presenza di rapaci come lo sparviero, la poiana ed il grande gufo reale. Durante l’escursione avremo modo di ammirare il gigante della foresta, sua maestà il Faggio, presente in grandissimo numero e di dimensioni mastodontiche. Oltre ad esso,…

Itinerario a piedi a L’Avana Vecchia: cosa fare e cosa vedere in un giorno nella zona antica della capitale cubana. Il viaggio a Cuba mi ha cambiata tanto. E mi ha dato tanto. Cuba ha un’anima a sè. Autentica, vera. Ed io l’ho respirata. Perdendomi tra i vicoli eleganti e fatiscenti di Trinidad, nelle campagne selvagge viaggiando verso Guanayara e la Valle Viñales, nel viso dei guajiros baciati e bruciati dal Sole, nei loro occhi, così profondi e veri. L’ho gustata bevendo un guarapo sulla sedia a dondolo di un salotto cubano; nelle pietanze preparate da Gino, nella casas particulares dove mi ha accolta e coccolata; fumando un sigaro profumato davanti ad una finestra sui campi di tabacco con la terra rossa. L’ho amata in quei risvegli lenti al suono degli zoccoli dei cavalli sui viali acciottolati; nell’urlo del panettiere mattutino, U PAN!, U PAN!, nelle rughe dei popoli delle…

Inline
Inline