Guida completa alla sorella maggiore delle Eolie: cosa vedere a Lipari, le spiagge più belle, sentieri di trekking, dove dormire e come muoversi.

Meligunis, in greco antico, Lipari nella nostra lingua attuale.

Meligunis che significa dolce, dolce come il ritmo lento e la vita essenziale che qui si svolgeva nelle epoche andate, dolce come l’ondulare di colline verdi che poi sfociano nel mare. Dolce come la sua gente, calda, gentile, ospitale.

A Lipari siamo rimasti una settimana, vogliosi di conoscerla, girarla, assaporarla.

Essendo l’isola maggiore delle sette sorelle Eolie, è la più completa in materia di servizi. E’, quindi, un’ottima base ed un ottimo punto di snodo per scoprire le isole vicine.

Di Lipari ricordo i vicoletti arabeggianti, i panorami tra mare e terra, quell’unica strada che s’inerpicava sui monti e poi scendeva al mare, le sue spiagge nere ed il mare blu, gli alberi di limoni, il richiamo costante alla pomice e all’ossidiana, testimonianza di un’attività vulcanica ormai lontana, ma ancora del tutto onnipresente.

Per il suo miscuglio di patrimonio naturalistico, bellezza e rarità geologica, Lipari è stata dichiarata assieme alle altre sei sorelle Eolie, Patrimonio dell’Umanità Unesco nel 2000.

In questo articolo voglio parlarti di cosa vedere a Lipari: cosa fare, le spiagge più belle, i sentieri di trekking da percorrere, come arrivare, come muoversi sia a Lipari che nelle isole vicine e dove dormire.

Buona lettura!

Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie

Come arrivare sull’isola di Lipari.

Ci sono diversi modi per arrivare a Lipari.

Se hai a disposizione solo una giornata puoi optare per una escursione in barca a Lipari e Vulcano da Messina, o partire da Milazzo e optare per una escursione in barca a Lipari, Stromboli e Panarea.

Se invece vuoi scoprire autonomamente Lipari, puoi raggiungerla con gli aliscafi super veloci di Liberty Lines o con i traghetti (più lenti) di Siremar o Caronte Tourist, da Milazzo, Messina, Palermo, Reggio Calabria e Vibo Valentia. Lipari è raggiungibile anche con l’elicottero anche se è una soluzione più dispendiosa, con Air Panarea.

Cosa vedere a Lipari centro: una piccola guida.

Se hai poco tempo a disposizione, invece, puoi optare per una visita guidata di Lipari che ti permetterà di capire le radici storiche dell’isola, abitata dapprima dagli etruschi e poi da greci, romani, bizantini e arabi. Se hai a disposizione più giorni sull’isola, non perderti:

  • Un giro nel centro di Lipari. Percorri Via Garibaldi, perditi nei vicoli arabeggianti ed in fiore, arriva alla Civita, ossia la cittadella fortificata che domina la città dall’alto.
  • Passeggia da Marina Corta a Marina Lunga, sorpassa la Chiesetta del Purgatorio e guarda i pescatori riparare le loro reti e le nasse per la pesca dell’aragosta.
  • Scopri il Castello di Lipari, abitato sin dal neolitico, con i suoi scavi archeologici con più di dieci stratificazioni, e la vicina Cattedrale di San Bartolomeo, fulcro della vita di Lipari, con i resti del Monastero del Santissimo Salvatore.
  • Visita il Museo Archeologico Nazionale Brea, che ripercorre sia storia che fenomeni vulcanologici dell’isola dagli anni 40 ad oggi.
  • Passeggia per Via Vittorio Emanuele, prendi un caffè assieme agli isolani.
  • Visita il Parco Archeologico di Diana, testimonianza dell’epoca neolitica con tombe ipogee e resti funerari dell’epoca.
    Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie
    Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie

    Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie

Cosa non perdere a Lipari oltre al centro.

Oltre al centro città, spostandoti con l’auto, potrai scoprire luoghi magici con panorami superlativi.

      • Le ex cave di pomice sono una grande testimonianza dell’economia passata di Lipari. L’estrazione di pomice era il fulcro economico e commerciale dell’isola, pensa che qui lavoravano circa un migliaio di operai negli anni Sessanta. La pomice e l’ossidiana sono materiali ricavati dalle antiche eruzioni vulcaniche, ma la pomice in particolare serve per vari utilizzi, dai cosmesi alla cosmetica. Adesso, ne rimangono delle cave tutte bianche che sfociano nel mare, un’attrazione sicuramente singolare e assolutamente da vedere a Lipari.
      • Le terme di San Calogero sono una stazione termale risalente al 1870 circa. Hanno acque poco profonde che sgorgano a circa 50 gradi. Vicino le terme son state trovati tholos di origine micenea, perciò a quanto pare si tratterebbe del più antico sito termale di tutto il Mar Mediterraneo. Attualmente lo stabilimento è chiuso, e dal 2011 è stato adibito a museo.
      • Il Belvedere di Quattrocchi è un punto panoramico meraviglioso. Si trova a circa 4 km dal centro di Lipari in località Pianoconte e regala una veduta bellissima sulla spiagge di Valle Muria, sull’isola di Vulcano, sui faraglioni di Pietra Menalda e Pietra Lunga.
      • Altri punti panoramici molto belli sono l’Osservatorio geofisico Semaforo, sul Monte Guardia. Da qui potrai ammirare le sagome lontane di Alicudi e Filicudi e l’isola di Vulcano; il Monte Rosa, dove vi è la Chiesa dell’Esaltazione della Croce, con una veduta mozzafiato su Canneto e su Stromboli e Panarea; Punta del Cappero.
      • Se noleggi un’auto o una moto, gira l’isola! Passerai per i borghi di Canneto, Acquacalda, Pianoconte e ti piacerà curiosare nella vera anima dell’isola.
      • Se hai più di un giorno, puoi decidere di prender parte ad una escursione in barca per scoprire le isole vicine: Vulcano, Stromboli e Panarea, Salina, o Alicudi e Filicudi.
    Cave di pomice – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie
    Cave di pomice a picco sul mare – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie

    Canneto – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie

Dove fare trekking a Lipari.

Lipari regala scorci indimenticabili, ed i sentieri sono perlopiù immersi nella macchia mediterranea, tra ginepri, agrumeti, muretti a secco ed il profumo di finocchietto selvatico. Sentieri molto belli sono:

  • Trekking sul Monte Guardia all’Osservatorio geofisico, che da Piazza Ugo Sant’Onofrio si snoda nel sud di Lipari per ammirare, camminando, i belvedere su Vulcano e Vulcanello, Punta della Crapazza ed il magnifico Monte Guardia.
  • Il sentiero che va dalle Cave di Caolino alle terme di San Calogero. 12 chilometri, fattibili in 4/5 ore, percorrendo fumarle di zolfo, cristalli di gesso ed il parco geominerario Tenuta Castellaro, simile ad un gran canyon.
  • Il sentiero sul Monte Pilato, fattibile in 4 ore, che passa per il borgo di Acquacalda, per le cave, per la depressione craterica di Fossa Castagna. In questo sentiero, lungo circa 4 km, potrai ammirare la pomice e l’ossidiana, espulsi dal vulcano dall’ultima eruzione 1300 anni fa.
  • Trekking sul Monte Rosa per arrivare sino alla Chiesa dell’Esaltazione della Croce, circa 5 km a/r con alcuni dislivelli. Dalla chiesa potrai ammirare il panorama su Canneto e le sagome di Panarea e Stromboli in lontananza.
  • Per una esperienza fuori dal comune puoi provare a fare scekking: trekking con lo scecco, ossia l’asino!

Le spiagge di Lipari.

Le spiagge di Lipari sono tutte, ovviamente, vulcaniche, dunque nere. Ecco le più conosciute:

  • Spiagge Bianche si trova ai piedi delle cave di pomice. Nonostante l’aggettivo, la spiaggia è comunque nera 🙂 ci si arriva con una lunga scalinata che dalla strada principale porta al mare.
  • Punta Castagna è la spiaggia migliore per fare trekking e snorkelling.
  • Valle Muria e la Spiaggia di Vinci sono due meravigliose spiagge incastonate tra sentieri sterrati e scogliere a picco sul mare.
  • Le spiagge di Canneto e di Acquacalda sono due lunghe spiagge su cui si affacciano i rispettivi borghi.
  • La Caletta della Secca e la Caletta della Forbice sono due spiagge poco conosciute e per questo più esclusive, in località Cappero.
  • Per la movida, ti consiglio White Beach, raggiungibile via mare.
  • Altre spiagge carine sono Pietra Liscia e Porticello, sia con spiagge libere che attrezzate.
    Panorama dal Monte Rosa – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie
    Spiagge Bianche – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie

    Spiaggia di Acquacalda – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie

Cosa mangiare a Lipari.

La cucina delle isole Eolie è una cucina mediterranea, basata su alimenti semplici. Le tipicità di Lipari prevedono:

  • Un primo con caserecce alla norma, ossia con melanzane, capperi, pomodoro e ricotta infornati;
  • La peperonata eoliana;
  • La caponata liparota;
  • Il pane cunzato, ossia pane bagnato con acqua e condito con pomodori, origano e a scelta, aglio o cipolla;
  • Il cappero di Salina, presidio slow food;
  • Tra i dolci, le nacatole e la spicchitedda: i primi sono fagotti di sfoglia con pasta di mandorle, i secondi sono biscotti secchi con vino cotto.

Come muoversi a  Lipari.

A Lipari vi è un autobus che collega le maggiori località, ma se hai poco tempo a disposizione il miglior modo per girare l’isola è il noleggio di un’auto o di una moto.

Noi ci siamo affidati al Noleggio da Luigi, comodissimo perchè ha la sede adiacente al porto e soprattutto economico. Luigi ha anche bici elettriche, moto e mehari, e noleggia anche barche e gommoni oltre ad effettuare il servizio taxi.

Dove dormire a Lipari.

Per assaporare al meglio la quiete dell’isola, abbiamo scelto di rifugiarci in un’oasi di pace.

Atollo è una graziosa casetta su un monte, vicina al Monte Rosa, dotata di tutti i comfort di un appartamento -anzi, di più-.

Una posizione silenziosa e privilegiata per godere al meglio della vista su Canneto, su Stromboli, Panarea e Vulcano, una bolla atemporale per dimenticare la vita fuori.

Un sentiero panoramico di 650 metri e Atollo ti delizia, ti coccola, ti vizia. Il contatto con la natura e gli elementi, in questo luogo eremitico lontano dalla civiltà, ti fanno riassaporare l’essenziale, le piccole cose, la bellezza dei dettagli.

La casetta è dotata di cucina, pentole, fornetto, frigorifero, amaca, barbecue, telescopio, wi-fi, doccia calda interna ed esterna, phon, bollitore, tv, dvd, ventilatore e attrezzatura per rilassarsi all’esterno.

Se sei un amante della natura e della vita tranquilla, Atollo non potrà che farti perdutamente innamorare.

Panorama da Atollo – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie
Atollo – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie
Atollo – Cosa vedere a Lipari, guida completa alla sorella maggiore delle Eolie
Se stai programmando un viaggio alle isole Eolie, potrebbero interessarti anche questi articoli:

Buon viaggio a Lipari!

Liz

Autore

Liz, un cuore zingaro ed un’anima zen. Vagabondo nel Mondo da anni in cerca dell’autenticità dei luoghi e dei popoli, ma nonostante tutto amo la mia calda Puglia. Web writer, storyteller, operatrice dei servizi turistici. Viaggio con Marcello, compagno d'avventure, e la piccola India, nostra figlia.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline