Cosa vedere a Bordeaux, la città del vino francese: dove dormire, cosa mangiare, come muoversi e suggerimenti utili alla visita.

E chi se lo immaginava che nel Sud Ovest Francese, alle porte della costa Atlantica, Bordeaux (l’antica città romana Burdigala) nascondesse quest’animo alternativo e così rispettoso dell’ambiente.

In un territorio fertile e generoso per la vite, esistono due facce della stessa città che convivono in armonia, speculari l’una all’altra, senza competizioni.

Una parte vocata alla valorizzazione dei suoi regali edifici storici, delle eleganti piazze e dei pazienti musei, narratori instancabili della sua grande storia. Alle degustazioni e alla scoperta delle note dolci o acidule del nettare degli dei, il vino, qui croce e delizia.

Poi vi è l’altra Bordeaux, molto più underground, anticonvenzionale e controcorrente. Con i suoi agglomerati ecosostenibili, la street art, i pantaloni a zampa d’elefante sempre di moda, i mercatini dell’usato, il riciclo solidale, gli orti botanici e le masserie didattiche. E’ stata una vera sorpresa approcciarsi alla sua filosofia sostenibile, che qui abbiamo colto e sentito forte e chiara.

Noi ci siamo persi per le sue strade, i suoi mercati, l’abbiamo scoperta, assaporata, vissuta. L’abbiamo fatta un po’ nostra, questa bella città francese sulle rive della Garonna che coniuga sapientemente quiete e dinamismo, regalità ad effervescenza culturale. E ci è tanto piaciuta.

In questo post voglio parlarvi di cosa vedere a Bordeaux, dandovi prima un piccolo suggerimento che non tutti conoscono: qui è possibile prendere parte ad uno dei tour guidati GRATUITI di Bordeaux in italiano, che con una guida esperta può portarvi alla scoperta delle attrazioni principali della città in poco tempo.

La Cattedrale di Sant’Andrea – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Al Museo di Belle Arti di Bordeaux – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Al Mercato dei Cappuccini, degustando le ostriche – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Come arrivare dall’aeroporto al centro di Bordeaux.

L’aeroporto di Bordeaux Merignac dista circa dodici chilometri dal centro di Bordeaux. La soluzione più economica è quella di prendere la Linea 1 dell’autobus urbano che parte direttamente dall’esterno dell’aeroporto, il biglietto costa 1,70 euro.

Come muoversi (e risparmiare) a Bordeaux: il City Pass.

Sempre per la filosofia ecosostenibile, Bordeaux ha riprogettato il suo piano di circolazione per dare spazio alla mobilità attiva. Che significa? Che qui a Bordeaux, muoversi è facilissimo ed intuitivo. I tram, gli autobus ed i traghetti funzionano benissimo e sono molto puntuali e puliti.

Un consiglio preziosissimo per risparmiare sia sui trasporti che sui biglietti d’ingresso ai musei e alle varie attrazioni è quello di acquistare la Bordeaux City Pass. Si acquista online oppure presso l’Ufficio del Turismo. E’ disponibile in diversi formati: da 24H, 48H e 72H e, oltre a dare accesso illimitato su tutti i mezzi di trasporto, consente l’ingresso gratuito a molte attrazioni che altrimenti risulterebbero molto costose.

Un esempio? Il solo ingresso alla Cité du Vin costa venti euro! Con la Bordeaux City Pass, entro le 12, è gratuito, dopo le 12 costa cinque euro.

Dopo il nostro viaggio a Bordeaux, possiamo consigliarvi tre itinerari nella città seguendo il filo logico che desiderate o mescolando anche di tutto un po’. Bordeaux offre davvero tanto: a voi la scelta tra la Bordeaux classica, la Bordeaux enogastronomica e la Bordeaux alternativa.

Bordeaux City Pass – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Cosa vedere a Bordeaux: itinerario della Bordeaux “classica”.

Non possono mancare in questo itinerario i grandi monumenti, le piazze ed i musei che narrano la storia di questa città, divenuta Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 2007. Se avete poco tempo, non disperate: torno a consigliarvi uno dei tour guidati GRATUITI di Bordeaux in italiano, che con una guida esperta può portarvi alla scoperta delle attrazioni principali della città in poco tempo.

E allora non perdetevi assolutamente:

  • La Piazza della Borsa, una regale piazza affacciata sul fiume Garonna che accoglie il Palazzo della Camera di Commercio ed il Museo delle Dogane. Ma non solo: questa piazza è presa d’assalto dai turisti per il suo Miroir d’Eau, ossia uno specchio d’acqua che soprattutto di sera riflette benissimo tutte le sagome della piazza.
  • L’imponente e maestosa Cattedrale di Sant’Andrea è una testimonianza storica che risale all’anno mille. Ammirate dapprima la sua facciata romanica poi girateci intorno, per le sue cinque cappelle esterne, vi scoverete un Portale Reale che raffigura l’Ultima Cena. [Ingresso gratuito. Fermata Hotel De Ville]. Adiacente alla Cattedrale, se volete godervi Bordeaux dall’alto, salite sulla Torre Pey Berland.
  • Più in là, la porta della Grosse Cloche e la porta Cailhau sono divenute un po’ il simbolo di Bordeaux: sono due monumenti medioevali che aprono le porte al quartiere Saint Michel. Nel quartiere Saint Michel vi è la chiesa di Saint Michel che costituisce una delle tappe del Cammino di Santiago: è bellissima.
  •  Di musei, a Bordeaux, ce ne sono un sacco. Potrete sbizzarrirvi tra le Belle Arti con il Museo delle Belle Arti; scoprire l’arte contemporanea con il CAPC; ammirare le arti decorative ed il design al Museo delle Arti Decorative e del Design; ripercorrere l’archeologia e l’etnografia al Museo d’Aquitania; avventurarvi tra la storia delle dogane al Museo Nazionale della Dogana e addirittura scoprire la storia marittima al Musée de l’Histoire Maritime.
  • Non può mancare assolutamente un giro nel centro storico di Bordeaux, sia nelle viuzze strette e lunghe che nelle grandi arterie come Rue Saint Catherine e Cours de l’Intendence, che brulicano di gente incuriosita dai negozi, dalle botteghe e dalle deliziose pasticcerie che sembrano gioiellerie [in tal proposito, assaggiate i canneles!].
  • Per un’esperienza bordolese più romantica vi consiglio la mini crociera sulla Garonna con cena a bordo: dura tre ore ed è il pretesto per scoprire la Bordeaux da un’altra prospettiva, assaporando piatti tipici della città. O, sicuramente più economica ma comunque molto bella da fare soprattutto per gli appassionati del vino, una crociera sulla Garonna con degustazione di vini francesi.
    Cannelés – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa

    Piazza della Borsa – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Cosa vedere a Bordeaux: itinerario della Bordeaux “alternativa”.

Io, Marcello e la piccola India abbiamo deciso già dal primo giorno di scoprire, anziché il “classico”, l’altra faccia di questa città. Una faccia più underground e anticonvenzionale, alternativa ed ecosostenibile. Vi consiglio caldamente:

  • Il Darwin Ecosystem: una ex caserma militare riconvertita. Tanta street art, magazzini generali, skate park, bikers free style, mercatini dell’usato a pochi centesimi, ciclofficine, centri massaggi in roulotte colorate ed un impianto sportivo rigorosamente eco-friendly è “solo” quello che v’aspetta.
  • La Fabrique Pola, una fabbrica creata per accogliere gli artisti locali. Qui, si da anima a mostre, eventi, workshop, conferenze, e ci convivono una ventina di artisti locali. Si trova vicino il Darwin.
  • Il Garage Moderne, nel cuore del quartiere Bacalan, è una cantina sociale molto alternativa ed atipica.
  • Il Wanted Cafè è uno spazio sia di ristorazione che culturale: accoglie mostre, eventi, workshop. Si tratta di un caffè solidale, ossia di uno spazio in cui la metà del fatturato è destinato ad associazioni. La curiosità? E’ stato creato da una community presente su Facebook, la Wanted Community!
  • Attraversate il Ponte di Pietra per raggiungere la riva destra della Garonna e visitare il Giardino Botanico e le sue serre: un piccolo grande viaggio nella genesi e nello sviluppo delle piante da tutto il mondo.
    Darwin Ecosystem – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
    Darwin Ecosystem – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa

    Darwin Ecosystem – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Cosa vedere a Bordeaux: la Bordeaux “enogastronomica”.

Bordeaux è il fulcro dell’attività enologica della regione della Gironda: vanta circa venti proprietà vitivinicole (ce n’è una anche in aeroporto! Incredibile!).

Un must to see per un amatore del vino, questo delizioso nettare degli dei, è la Citè du Vin: è un totem, per Bordeaux. Un’architettura contemporanea stramba accoglie otto piani di museo, all’interno ospita percorsi interattivi, incontri virtuali con i migliori viticoltori del mondo, curiosità, giochi, una sala lettura, una sala conferenze, una cantina con quattordicimila vini, un concept store e, non ultimo per importanza (anzi), un wine bar all’ottavo piano dove è possibile degustare un calice di vino francese incluso nel prezzo.

Gli itinerari del vino che partono da Bordeaux sono oltre sessanta, al piano terra della Cité du Vin o all’Ente del Turismo potrete richiedere più informazioni. Noi consigliamo la visita a Saint Emilion, nei suoi vigneti coltivati negli spazi verdi dei castelli.

Per la gastronomia, vi consiglio assolutamente di assaggiare le ostriche (huitres) al Marché des Capucins con un buon bicchiere di vino bianco (aperto di mattina), o di cenare alla Brasserie Bordelaise (molto cara, ma è un top di gamma) o all’Entrecôte (menù fisso di venti euro: insalata, patatine fritte ed una buonissima entrecôte speziata con salsina segreta, tutto molto abbondante).

Cité du Vin – Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Dove dormire a Bordeaux: l’Hotel Konti.

Potevamo non adattarci allo spirito ECO della città?

Per il nostro soggiorno a Bordeaux abbiamo scelto l’Hotel Konti, in pieno centro, in un’antica residenza privata borghese. Un hotel rinnovato da poco, in chiave completamente ecosostenibile, family friendly e con un tocco un po’ bohemien un po’ vintage. Un angolo bar dove potersi ristorare gratuitamente con un the, un caffè e dei dolcetti, una reception con personale sorridente, camere confortevoli con l’affaccio sulla vita che scorre a Bordeaux, dalle cromature rilassanti, una colazione internazionale ricchissima.

Chicca finale? Se decidete di non far pulire la vostra camera, l’Hotel Konti vi omaggia con una bottiglia di buon vino Bordeaux!

Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Cosa vedere a Bordeaux, guida completa
Buon viaggio a Bordeaux!

Liz

Autore

Liz, un cuore zingaro ed un’anima zen. Vagabondo nel Mondo da anni in cerca dell’autenticità dei luoghi e dei popoli, ma nonostante tutto amo la mia calda Puglia. Web writer, storyteller, operatrice dei servizi turistici. Viaggio con Marcello, compagno d'avventure, e la piccola India, nostra figlia.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline