Cosa mettere in valigia per il parto, per la mamma e per il bambino: la lista completa con tutto quello che non deve mancare!

Ciao futura mamma!

Sei capitata nel blog di viaggi di una mamma (io, Liz!) che sta aspettando il suo secondo pargoletto che nascerà a settimane.

Ebbene sì, restando nel tema viaggi oggi voglio parlarti di una valigia da preparare per quel che sarà il tuo prossimo viaggio: quello più bello di tutti, quello per dare luce ad una nuova vita. Il TUO viaggio.

C’è da dire che il lieto evento è contornato da tutta una serie di preparazioni che alle volte, si, mettono anche ansia. L’importante è aver le idee chiare, stampare una check-list con cosa mettere nella valigia del parto e arrivare serene ad affrontare l’impresa straordinaria.

Sono fresca di tutto questo -avendo appena preparato il tutto, e soprattutto, avendo anche avuto la prima esperienza- dunque in questo articolo voglio aiutarti dandoti qualche consiglio su come preparare la valigia per il parto.

Ah, mamma: ricorda, che tu faccia il parto naturale o meno, che quella che ti accingi a fare è un’IMPRESA STRAORDINARIA!

Buona lettura e… in bocca al lupo!

Quando preparare la valigia per il parto.

Se stai cercando una risposta a questa domanda, sappi che non c’è un tempo prestabilito.

Alcune mamme, un po’ per ansia, un po’ perchè vogliono avere già tutto pronto all’evenienza, preparano la valigia per il parto allo scoccare del settimo mese.

In genere è bene che tu abbia la valigia per il parto pronta intorno alla 36° settimana, periodo molto vicino alla data presunta del parto, in cui ogni giorno potrebbe… potenzialmente essere.

Nella coppia, la preparazione della valigia per il parto porta sicuramente ad una maggiore consapevolezza (e maggiore serenità, in quanto a sicurezza) del grande evento che sta per accadere.

Cosa mettere nella valigia per il parto?

Ogni mamma, prima del lieto evento, prende contatti con l’ospedale in cui partorirà. Ed ogni ospedale che si rispetti, generalmente, lascia alla mamma una serie di informazioni per pianificare il tutto e arrivare serena e senza tentennamenti al grande momento.

Tra queste informazioni generalmente vi è anche la lista per preparare la valigia per il parto.

Se non hai ancora preso contatti con l’ospedale, o non ti ha rilasciato nulla, posso aiutarti con alcuni consigli che mi sono stati molto utili sia durante la mia prima esperienza che per la preparazione della valigia per il secondo parto. In linea di massima quello che ti servirà sarà quello che ti scriverò 🙂

Innanzitutto, ben presto ti accorgerai che una sola valigia per il parto non basta. Perchè?

Perchè avrai bisogno di un trolley totalmente dedicato a te, e di un borsone abbastanza grande per il bimbo. Non armarti di super valigie perchè se tutto va per il meglio starai in ospedale massimo due o tre giorni!

Vediamo come riempirle 🙂

Cosa mettere in valigia per il parto: la lista completa

Cosa mettere nella valigia della mamma.

  • Importantissimi: i tuoi documenti, la tua tessera sanitaria e la cartella con tutta la documentazione ginecologica e gli esami ematochimici effettuati durante la tua gravidanza.
  • La camicia per partorire: solitamente è un camicione lungo, leggero e apribile davanti.
  • Tre o quattro camicie da notte, con l’apertura al seno per allattare facilmente (nelle quattro è inclusa una in più: dopo il parto avrai delle perdite di sangue abbondanti e c’è la possibilità che le camicie da notte si sporchino).
  • Una vestaglia apribile sul davanti, da indossare sulla camicia da notte, nel caso in cui tu senta freddo.
  • Tre reggiseni per l’allattamento.
  • Le coppette assorbilatte, ne utilizzerai a bizzeffe soprattutto quando avrai la montata lattea. Io mi sono trovata molto bene con le coppette assorbilatte Chicco perchè con tessuto antibatterico dermatologicamente testato.
  • Un prodotto lenitivo per i capezzoli, ti rinfrescherà e lenirà la pelle sin dalla prima poppata.
  • Tre paia di calzini bianchi.
  • Un paio di ciabatte bianche (aperte o chiuse non ha importanza).
  • Assorbenti post parto: si tratta di assorbenti molto grandi, specifici per il post parto, in cotone anallergico. Li indosserai assieme alle mutande monouso per contenere le perdite di sangue dopo il parto.
  • Mutande a rete post parto in TNT. Si tratta di mutande monouso a rete, da utilizzare al posto delle mutande normali in quanto usa e getta.

Attenzione: anzichè utilizzare la mutanda a rete con l’assorbente post parto, che non è fisso e si sposta, potresti prendere in considerazione anche i pants con l’assorbente integrato. Sono di ultima generazione e a quanto pare sono molto più comodi del “due pezzi”!

  • Asciugamani (a tua discrezione) per far la doccia o lavare la faccia ed il corpo.
  • Per quanto riguarda la zona intima, ti consiglio di non utilizzare gli asciugamani in quanto li sporcheresti tutti di sangue. Acquista, piuttosto, i telini monouso che utilizzano anche le estetiste: questo è un consiglio preziosissimo di cui non ti pentirai 😉
  • Il tuo beauty case con spazzolino, dentifricio, sapone, sapone intimo, deodorante ed i trucchi. Non dimenticare le infradito nel caso in cui tu voglia farti una doccia.
  • Il caricabatterie e qualche snack.
  • Gli abiti per il giorno della dimissione.

In caso di parto cesareo, considera qualche cambio in più, in quanto dovrai permanere in degenza qualche giorno in più per l’osservazione.

Cosa mettere in valigia per il parto: la lista completa

Cosa mettere nella valigia del neonato.

  • La camicina della fortuna: è il primissimo indumento che indossano i neonati, e solitamente è fatta di cotone naturale o seta. Per tradizione, la camicina della fortuna dopo esser stata indossata non viene mai lavata ma conservata così.
  • Un sacco nascita con la camicina della fortuna, un body, delle ghettine ed una tutina, ossia il primo cambio che indosserà il bimbo dopo la camicina della fortuna.
  • Un asciugamano in cotone naturale in cui sarà avvolto il bimbo alla nascita.
  • Tre o quattro cambi, composti da: tutine; body a manica corta o lunga a seconda della stagione; ghettine; cappellini.
  • Un pacco di pannetti taglia 1.
  • Due o tre asciugamani di lino o cotone naturale per il cambio del bimbo.
  • Detergente per lavare il bimbo e pasta lenitiva.
  • Un giubbotto per quando uscirà con te dall’ospedale.
  • Lenzuolino, federa e coprimaterasso per la culla con una copertina.
  • Fiocco nascita.

Ricordati di preparare la navicella, anche, con lenzuolino, coprimaterasso e federa, in modo tale che il papà avrà tutto pronto quando verrà a prenderti per il vostro primo viaggio insieme: quello verso il vostro nido!

Sei pronta per il grande evento, mamma?

In bocca al lupo e… buon viaggio Mamma!

Liz

*  *  *  *  *

Segui le nostre avventure su Instagram, in Italia e nel Mondo!

Clicca sull’immagine e seguici 🙂

*  *  *  *  *

Autore

Liz, un cuore zingaro ed un’anima zen. Vagabondo nel Mondo da anni in cerca dell’autenticità dei luoghi e dei popoli, ma nonostante tutto amo la mia calda Puglia. Content creator, web writer, storyteller. Viaggio con Marcello, compagno d'avventure, ed i piccoli India e Tiago, i nostri figli.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *