Cosa vedere a Siponto, in Puglia: tra storia e natura alla scoperta di questo borgo alle pendici del Gargano.

Il fascino per i luoghi dimenticati mi ha portata alla scoperta di Siponto, un borghetto che prende vita alle pendici del Gargano, frazione di Manfredonia, in provincia di Foggia.

Un tempo meta di pellegrini e cavalieri che qui trovavano ristoro durante il lungo viaggio per Monte Sant’Angelo, oggi Siponto mostra con vanto la testimonianza di un’epoca lontana, che ha origine con Diomede -suo fondatore-, mutando dapprima in colonia romana e poi in sede vescovile nel Medioevo.

Oggi Siponto è un borgo residenziale a qualche passo dal mare, importante meta culturale oltre che naturalistica per la ricchezza del suo agro.

In questo breve articolo voglio aiutarti a stilare un itinerario su cosa vedere a Siponto: buona lettura!

Basilica di Santa Maria Maggiore – Cosa vedere a Siponto, in Puglia
Dettaglio del portale – Cosa vedere a Siponto, in Puglia
Mosaici – Cosa vedere a Siponto, in Puglia
  • Il Parco Archeologico di Siponto ospita il connubio tra antico e contemporaneo: la Basilica di Santa Maria Maggiore svela ancora oggi le orme del suo millenario passato, con interessanti mosaici policromi all’interno. A pianta quadrata, la basilica è composta da due chiese interconnesse tra loro indipendenti, di cui una è interrata, la cripta. La chiesa è un gioiello dell’arte romanico pugliese, pur mostrando influenze islamiche e armene.
  • Sempre nel Parco Archeologico di Siponto si trova l’opera contemporanea di Edoardo Tresoldi, realizzata nel 2016, che con un intreccio di reti metalliche elettrosaldate ha ricreato l’ologramma tridimensionale dell’antica Basilica. L’opera è stata ribattezzata “Dove l’arte ricostruisce il tempo” e dal momento della sua installazione il Parco Archeologico ha registrato un notevole incremento dell’afflusso turistico.
  • Sempre qui, si trovano i resti dell’insediamento romano, con alcune parti dell’anfiteatro, porzioni dell’antica cinta muraria e alcuni ipogei risalenti al III secolo d.C. con sepolture di epoca medievale.
  • L’Oasi “Laguna del Re” è un hub naturalistico alle porte del borgo, una laguna costiera collegata al mare sulla foce del fiume Candelaro, dove poter fare trekking e meravigliose fotografie dal pontile e dal capanno. E’ un sentiero preso di mira soprattutto dagli amanti della natura, dai fotografi, dai birdwatcher. L’ingresso non è libero ed è custodito. Per poter entrare è necessario prenotarsi consultando uno dei responsabili dell’associazione DauniaTur.
  • Per una sosta degna di nota, delizia il palato con una eccelsa degustazione di mozzarella di bufala presso il Caseificio dei Pini. E’ un luogo molto accogliente soprattutto per un break, ha dei tavoli e delle panche in legna fuori, c’è un’altalena per i bimbi e offre squisiti prodotti a base di mozzarella di bufala.
    Basilica tridimensionale, opera di Tresoldi – Cosa vedere a Siponto, in Puglia
    Mozzarella di bufala al Caseificio dei Pini – Cosa vedere a Siponto, in Puglia

    Oasi della Laguna del Re (fotografia di Salvatore Giannino) – Cosa vedere a Siponto, in Puglia

Nelle vicinanze di Siponto, ti consiglio di visitare le Saline di Margherita di Savoia, il centro storico di Manfredonia, il Castel del Monte e, se capiti li’ in estate, fai assolutamente un salto alle spiagge di Vignanotica e Vieste!

Liz

Autore

Liz, un cuore zingaro ed un’anima zen. Vagabondo nel Mondo da anni in cerca dell’autenticità dei luoghi e dei popoli, ma nonostante tutto amo la mia calda Puglia. Web writer, storyteller, operatrice dei servizi turistici. Viaggio con Marcello, compagno d'avventure, e la piccola India, nostra figlia.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline