Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita, cosa fare, come muoversi, esperienze da non perdere assolutamente!

Ibiza è magica. Non per le sue discoteche.

In questo articolo voglio parlarti di cosa vedere a Ibiza e delle esperienze da fare assolutamente a Ibiza, ma prima permettimi di fare un’introduzione e di darti un suggerimento. Se non ami il turismo di massa, e vuoi conoscere la vera Ibiza, vacci fuori stagione. E’ tutta un’altra cosa. Tutta un’altra storia. E adesso ti spiego perchè.

Ho raggiunto Ibiza in barca a vela ad Aprile, e questo è quel che ne scrivevo.

“Quando il sole rosso spunta lento dal mare ecco che dinanzi a noi si delineano i profili delle vette rocciose dell’isola di Ibiza. Un luogo da me tanto fantasticato, il fascino delle sue acque celesti e delle piccole calette nascoste hanno da sempre alimentato la mia curiosità di vederla. Niente musica TUNZ-TUNZ, niente cocktail colorati in spiaggia e niente gruppi di ragazze in bikini. L’isola è pressocchè deserta.

L’Ibiza che ho conosciuto io è quella vera e autentica di chi vive qui tutto il tempo.

Man mano che ci avviciniamo alla costa i colori tornano ad essere vividi e così il mare di cristallo contrasta con il verde dei suoi alberi, le pareti rocciose risplendono ai primi raggi e l’aria profuma di pini sotto l’incessante canto delle cicale.

Ormeggiamo alla marina di Sant Antoni, un paese brutto e senz’anima, che esiste solo quando il mondo intero vi arriva per ballare nelle innumerevoli discoteche circostanti. Enormi e squallidi hotel bianchi e locali di ogni tipo affacciati sul mare aspettano desolati l’arrivo del turismo. Che fortuna capitare qui in questo periodo così anomalo e unico.

Nei giorni seguenti visiteremo l’isola utilizzando gli autobus locali che solcheranno le strade vuote scarrozzandoci da una parte all’altra di questo meraviglioso paradiso.

La terra rossa coltivata a frutta e ortaggi, i suoi vecchietti chini sui campi con la fronte sudata e la pelle scura, gli alberi di carrube ancora presenti in gran numero e dal quale ricavano oggetti d’ogni tipo dal suo bellissimo e pregiato legno. E ancora, i fichi, gli ulivi, i ginepri ed i mandorli che ricoprono le montagne e le valli dell’isola.

La sua città sulla rocca, patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, Eivissa. Qui dove tutto il mondo vi è passato lasciando le tracce che hanno reso unico questo luogo. I Fenici prima, i pirati del Mediterraneo, eserciti al comando di svariati re e imperatori, fuggitivi, prigionieri, hyppie e sognatori dopo. Tutti hanno contribuito alla meravigliosa opera d’arte che oggi è.

Questa è Ibiza. La isla Blanca.

Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita

Cosa vedere a Ibiza: guida completa.

Prima di appuntarti tutto quello che c’è da vedere a Ibiza, devi sapere che questa isla magica è una fusione di varie culture che convivono armonicamente tra loro.

Perchè? Perchè Ibiza nel tempo è stata teatro di varie dominazioni, dai Fenici ai  Cartaginesi, dai Vandali ai Romani, dai Bizantini ai Visigoti, addirittura musulmani e catalani.

Perciò troverai un miscuglio di culture che ti invito a scoprire -oltre alla vita mondana- perchè danno ad Ibiza quel sapore autentico che non tutti conoscono.

Consiglio prezioso: se non vuoi perder tempo a girare con gli autobus, e vuoi esser più libero e flessibile con gli orari, puoi noleggiare un motorino che ti porterà dappertutto evitando anche il traffico!

La città vecchia di Ibiza: Dalt Vila ed i villaggi di pescatori.

Questa sì che vi darà il benvenuto nella vecchia, autentica e vera Ibiza. Dalt Vila è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1999.

Oltrepassa il Portal de ses Taules e immergiti in una storia senza tempo, per le viuzze in pietra strette e tortuose. Scoprirai una Ibiza fatta di piccole botteghe, localini con le lucine ed i tavoli all’aperto pronti a servirti una deliziosa paella con il pescato fresco, artisti di strada e personaggi vestiti in abiti bizzarri.

E ancora, proprio in questa parte di Ibiza non manca il fermento culturale: visita il meraviglioso Museo di Arte Contemporanea, la Cattedrale, il Castello Arabo e affacciati a Placa des Amparats da cui potrai godere di un panorama bellissimo sul porto (ti consiglio di farlo di sera!).

Se scendi al porto, non perderti i quartieri Sa Penya e La Marina, antichi villaggi di pescatori. Ideali per bere qualcosa.

Dalt Vila – Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita
Dalt Vila – Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita

L’anima Hippie di Ibiza: i mercatini di Punta Arabì e Las Dalias.

Ibiza ha un’anima hippie e questo è risaputo. Pensa che qui, oltre che in tutte le isole spagnole, il nudismo è ormai pratica tollerata e comune.

Se sei un amante dei mercatini hippie, boho, vintage, gypsy, ti consiglio di non perdere i mercatini di Punta Arabì e di Las Dalias. Un tripudio di colori tra abiti lunghi, costumi, gioielli, accessori, prodotti biologici, strumenti musicali, vinili, un vocìo perpetuo ed un traffico di gente che tiene allegri.

Il mercatino di Punta Arabì lo trovi in località Es Canar, tutti i mercoledì dalle 10 alle 18. Pensa che questo mercatino è qui da cinquant’anni!

Il mercatino di Las Dalias è praticamente il più famoso tra tutti e si realizza ogni sabato dalle 10 alle 19, ogni domenica dalle 11 alle 19. L’indirizzo preciso è Carretera San Carlos, Km. 12, 07850 Sant Carles de Peralta.

Mercatini hippie – Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita

La grotta di Can Marçà e la necropoli di Puig des Molins a Ibiza.

Due meraviglie della Isla Blanca: una naturale e una storica.

La grotta di Can Marçà risale a circa centomila anni fa e fu scoperta da alcuni contrabbandieri che la utilizzavano come deposito per la loro merce. Visitando la grotta difatti sono ancora visibili i simboli neri e rossi che avevano impresso sulle pareti per orientarsi nella grotta. Ad oggi, visitandola, potrai ammirare meravigliose stalattiti e stalagmiti, frutto di anni ed anni di erosione calcarea, ed una cascata. La grotta si trova vicino Port San Miguel.

La necropoli Puig des Molins di Ibiza fu realizzata ad opera dei fenici nel 7 secolo a.C., che si stanziarono nella città di Puig de Vila. La parte bassa del loro stanziamento era dedicata a necropoli. Con il passar del tempo e delle varie dominazioni, soprattutto con la civiltà punica e dopo romana, la città si espanse e dunque anche la necropoli. Ad oggi, il sito è talmente importante da esser stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1999.

Grotta di Can Marcà – Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita

Le spiagge più belle di Ibiza.

Ovviamente non puoi depennare dal tuo itinerario le spiagge di Ibiza. Ci sono molte spiagge davvero carine, per la maggior parte calette con acqua divina. Se hai pochissimo tempo a disposizione ti consiglio una escursione in barca di tre ore tra le cale di Ibiza con musica, frutta e bevande, con partenza dal Porto di Sant Antoni.

Tra le più belle spiagge di Ibiza in assoluto:

  • Cala d’Hort è stupenda. Ciottoli e sabbia ed un mare cristallino ti accoglieranno per godere della vista sulle tre isole dei draghi: Sa Galera, Es Vedra e Es Vedranell. Qui trovi anche due stabilimenti balneari attrezzati.
  • Cala Benirras è a pochi km da San Miguel. La spiaggia è fatta di sabbia e ghiaia e si riempie super presto nel pomeriggio, tanto che alle 15.30 chiudono la strada e mettono a disposizione delle navette per scendere in spiaggia. E sai perchè? Perché qui non devi perderti il tramonto, a suon di percussioni e con danzatori e danzatrici all over the world!
  • Cala Bassa è molto protetta dal vento e per questo una vera e propria piscina naturale con acqua cristallina. Passa la giornata al mare e non perderti un aperitivo dal CBBC!
  • Sa Caleta, con le sue scogliere rosse a ferro di cavallo e l’acqua cristallina. Sembra un’oasi di pace, dove a volte spunta qualche capanna di pescatori, e che custodisce le rovine fenicie risalenti al 654 a.C., anch’esse Patrimonio dell’Umanità UNESCO.
  • Cala Comte è la spiaggia più famosa di tutta Ibiza, per le sue acque cristalline e per tutta la massa di gente che arriva qui per guardare il tramonto. Percorrendo un piccolo sentiero sulle scogliere, arriverai a Cala Escondida, una piccola oasi naturale con tanti nudisti ed un chiringuito per mangiare cibo sano e bere qualcosa.
  • Non dimenticarti di assistere al tramonto su Es Vedrà dalla montagna posta di fronte: difficilmente lo dimenticherai.

Consiglio adrenalinico: sapevi che puoi provare l’esperienza del parasailing volando su Saint Antoni?

Parasailing a saint Antoni – Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita
Tramonto su Es Vedra – Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita

Escursione a Formentera da Ibiza.

Formentera è talmente vicina a Ibiza che puoi raggiungerla davvero in pochissimo tempo.

Non fare l’errore di non considerarla: Formentera è un paradiso terrestre.

Hai due opzioni: raggiungere autonomamente Formentera con un traghetto che parte da Playa d’En Bossa e in 55 minuti arriva al porto di La Savina a Formentera. Da lì, poi, potresti noleggiare uno scooter e girare l’isola. Per orientarti e non sbagliare, puoi leggere i miei articoli su cosa vedere a Formentera e su le spiagge più belle di Formentera.

Ma l’esperienza più bella e anche economica, che ti consiglio, è quella di dedicare una giornata intera a Formentera (e credimi, ne vale davvero la pena) partecipando ad una escursione in barca da Ibiza a Formentera della durata di 7 ore, comprensiva di colazione, pranzo, open bar e attrezzatura per snorkeling e paddle a bordo.

Quando vedrai l’acqua cristallina di Ses Illetes non vorrai più tonare.

Paradiso terrestre a Formentera – Cosa vedere nella magica Ibiza: guida completa alla Isla Bonita

Buon viaggio a Ibiza!

Liz

Autore

Liz, un cuore zingaro ed un’anima zen. Vagabondo nel Mondo da anni in cerca dell’autenticità dei luoghi e dei popoli, ma nonostante tutto amo la mia calda Puglia. Web writer, storyteller, operatrice dei servizi turistici. Viaggio con Marcello, compagno d'avventure, e la piccola India, nostra figlia.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline