Guida turistica delle Isole Borromee del Lago Maggiore: come raggiungere le isole e cosa vedere su Isola Bella, Isola Madre e l’isola dei Pescatori.

Oltre alla nota Torino, capoluogo e città d’arte tra le maggiori in Italia, la parte più visitata del Piemonte è la regione montuosa del nord ricca di laghi.

Il lago principale è ovviamente il Lago Maggiore, su cui vige da sempre un conflitto di attribuzione: esso è generalmente considerato uno dei laghi lombardi, ma la sua metà occidentale è in realtà in Piemonte.

I punti salienti e di irrinunciabile visita nella parte occidentale del Lago Maggiore includono le splendide Isole Borromee e le località lacustri di Verbania, Stresa e Arona. Gli amanti dei giardini potranno anche visitare le splendide ville e giardini sul lago. Irrinunciabile è il magnifico Lago d’Orta, il lago è più piccolo e volutamente meno conosciuto del Lago Maggiore e dei laghi lombardi del nord Italia ma molto pittoresco.

Ma concentriamoci adesso sule Isole Borromee, vediamo come raggiungerle e quali sono le principali attrazioni.

Come raggiungere le Isole Borromee?

Le isole Borromee si trovano in prossimità dei comuni di Stresa, Arona, Pallanza e proprio da qui sono raggiungibili con i battelli della Navigazione Lago Maggiore. Raggiungere Stresa a sua volta è molto facile in autostrada, ma attenzione perché durante questa ora e quaranta minuti di viaggio le valli che si susseguono, così come le strade montuose sono notevoli, e i guasti ai veicoli molto frequenti.

Cosa fare dunque non appena il veicolo mostra i primi segni di avaria? Sicuramente non proseguire imperterriti ma correre ai ripari. Grazie al web l’accessibilità anche in queste zone è garantita, basterà googlare “autosoccorso Torino” per trovare il supporto più giusto. Uno dei primi risultati sarà la società Charlie24, da anni operativa su tutta la zona del Nord Italia e altre nazioni europee.

Grandi esperti del territorio, basterà indicare la posizione dell’autoveicolo, quale si pensa sia il problema e il sistema calcolerà il tempo di raggiungimento del primo manutentore più vicino. La responsabilità per chi guida il veicolo è fondamentale per l’incolumità sua e dei passeggeri a bordo, non ignorare mai i primi segnali come le spie accese.

Tornando al nostro viaggio, il gruppo isolano comprende tre isole che possono essere visitate: Isola Bella, Isola Madre e Isola dei Pescatori e un’isola non aperta al pubblico, l’Isola San Giovanni.

Si possono comprare i biglietti dei traghetti per le isole singolarmente, ma la soluzione più popolare è quella di acquistare un biglietto che ti consenta di sbarcare su ciascuna delle tre isole come parte di un tour.

Il biglietto del traghetto costa circa 22 euro e l’ingresso alle due ville aggiungerà ulteriori 20 euro a persona al viaggio.

Un tour relativamente costoso se si è una famiglia numerosa, ma a nostro avviso, vale totalmente il prezzo.

Guida turistica delle Isole Borromee del Lago Maggiore

Isola Bella.

La più famosa delle isole lacustri per i visitatori è l’Isola Bella dove si possono visitare la grande villa in stile barocco di Palazzo Borromeo e i giardini del 17° secolo, nonché un pittoresco ma piccolissimo villaggio con strette stradine acciottolate che si snodano tra vecchie case.

Se hai solo il tempo di visitare una delle Isole Borromee, l’Isola Bella sarà la solita scelta.

L’interno del palazzo con la sua opulenta decorazione e le sue numerose opere d’arte costituisce un interessante contrasto dopo una passeggiata per le strade del villaggio.

Ognuna delle sale principali ha un tema particolare, come arazzi o strumenti musicali rari. Anche le sale delle caverne sotto il palazzo sono affascinanti, con stanze relativamente modeste decorate con vari temi del mare.

Anche i giardini in stile barocco di Palazzo Borromeo sono particolarmente impressionanti e incentrati su una grande piramide. I giardini sono a terrazze sul lago e comprendono numerose statue, giochi d’acqua e vari attrazioni.

Isola Madre.

L’isola Madre è più a nord e più centrale rispetto a Isola Bella.

Quest’isola è visitata per i giardini botanici e il palazzo del 18° secolo. Sebbene risulti un palazzo modesto rispetto a quello maestoso dell’Isola Bella, è ancora un imponente edificio e arredato in stile d’epoca.

La villa contiene anche un museo che espone una grande varietà di oggetti come porcellana, giocattoli e mobili.

I giardini sono impressionanti con molte attrazioni, piantagioni molto varie con piante provenienti da tutto il mondo, e sarà uno dei momenti memorabili della tua visita al Lago Maggiore – reso più esotico dai pavoni e dai pappagalli che vivono sull’isola e ti circondano mentre lo esplori poiché sono liberi.

Isola dei Pescatori.

La più piccola delle tre è l’Isola dei Pescatori, caratterizzata da un piccolo villaggio tradizionale che occupa quasi l’intera piccola isola. Sebbene il villaggio sia piccolo, le stradine che attraversano il cuore del villaggio conferiscono molto fascino. Se stai esplorando le tre Isole Borromee, questo è il posto migliore per goderti il tuo pranzo, poiché qui ci sono più ristoranti che sulle altre isole del gruppo.

Puoi anche fare una passeggiata sulle rive dell’Isola dei Pescatori per goderti la vista del lago, delle altre isole e di Stresa.

Guida turistica delle Isole Borromee del Lago Maggiore

Buon viaggio!

Autore

Annalisa, un cuore zingaro ed un’anima vagante. Vagabondo nel Mondo da anni in cerca dell’autenticità dei luoghi e dei popoli, ma nonostante tutto amo la mia calda Puglia. Web writer, storyteller, operatrice dei servizi turistici.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline