5 cose da vedere a Tbilisi e dintorni: consigli per una visita completa della città alla scoperta della Georgia più autentica e vera.

La Georgia è un Paese in crescita sotto tutti i punti di vista, ma che ancora paga le ferite dell’ex regime Sovietico.

Visitare la Georgia oggi è un preludio per un futuro roseo. E’ una città con una forte voglia di rinascita.

La Georgia rientra nel territorio caucasico, ai confini tra Europa ed Asia, in un mix di religioni, volti e tradizioni.

Viaggiare zaino in spalla nel Caucaso vuol dire esplorare territori lontani dai soliti itinerari turistici, a contatto con i popoli e pronti a nuove conoscenze culturali e linguistiche.

I suoi punti di ingresso sono da Tbilisi e Kutaisi per via aerea, mentre dal confine terrestre di Bagratashen-Sadaklho dall’Armenia a sud e dal confine Balakan-Lagodeki in Azerbaigian a nord.

Tbilisi è una città che sta alternando all’architettura ex sovietica di un tempo costruzioni all’avanguardia progettate da architetti famosi in grado contrastare il degrado degli anni di guerra. E’ una città sicura da visitare a piedi, una città di giovani che vogliono riprendersi le strade e le piazze che per anni furono invase dagli eserciti russi.

Qualche premessa: +2 ore di fuso orario rispetto all’Italia; 1 euro equivale a circa 3,20 GEL (Lari Georgiani); non è necessario un visto per entrare in Georgia.

In questo articolo ti propongo una lista di 5 cose da vedere a Tbilisi e dintorni.

5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni
5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni

L’antico quartiere Rustaveli di Tbilisi.

La città vecchia di Tbilisi è visitabile a piedi in giornata in totale autonomia in quanto non esageratamente grande.

A passo lento e zaino in spalla potrai scoprire tante cose di questo luogo, e Tbilisi è la scelta giusta per un viaggio all’avventura. Qui inoltre sono disponibili anche dei free tour di Tbilisi in inglese o spagnolo.

Tra un’attrazione e l’altra non dimenticarti di assaggiare i piatti tipici georgiani come il Khachapuri nelle sue 53 varianti e la Churchkhela, caramella georgiana a forma di candela. Per addentrarti meglio nelle delizie culinarie Georgiane puoi partecipare ad un corso di cucina Georgiana con degustazione.

Cosa vedere assolutamente nella città di Tbilisi:

  • Tbilisi dall’alto ammirata ai piedi della statua argentea Madre della Georgia -Kartvelid Deda-;
  • Le terme Abanotubani;
  • La Sinagoga di Tbilisi;
  • Il ponte della Pace;
  • La fortezza Narikhala;
  • Piazza Maidan, il vecchio centro commerciale.

Alcuni dei luoghi più contemporanei e fuori dagli schemi, invece sono quelli che ti consiglio di seguito:

  • Il Fabrika, una ex fabbrica tessile, oggi divenuto luogo di coworking e spazio sociale, covo di artisti e di eventi culturali, di mostre e di mercatini dell’antiquariato;
  • Il Dry Bridge Flea Market, un mercatino vintage con abbigliamento, accessori, oggetti, mobilio di un’epoca fa!
  • La Casa Caleidoscopio, o Galleria 27, una galleria d’arte del XIX secolo con vetrate coloratissime!
La città antica – 5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni
Cattedrale Mtsketa – 5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni
Le terme – 5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni

Quartieri Avlabari e Marjanishvili.

Con due giorni pieni da dedicare alla città, approfondisci la scoperta di questi due quartieri di Tbilisi ancora autentici, magari esplorandoli uno di mattina e l’altro di pomeriggio.

Situati di fronte alla città vecchia, sul lato opposto del fiume Kura, sono raggiungibili con un’intensa passeggiata in salita verso la cattedrale della Santissima Trinità che padroneggia la collina.

Per gli amanti dello stile Sovietico, il quartiere Avlabari, soprannominato anche il quartiere armeno di Tbilisi, sorprenderà la vista con palazzoni in stile russo, mentre nel quartiere Marjanishvili sarà come vivere un pizzico di quotidianità della Georgia raccomandando che la maggior parte delle persone parlano il russo, ma saranno socievoli ad aiutare il viaggiatore in qualsiasi momento.

Villaggio di Mtskheta e monastero di Jvari: escursione da fare in giornata da Tbilisi.

Mtskheta è l’antica capitale della Georgia e attualmente Patrimonio dell’Umanità Unesco.

E’ raggiungibile da Tbilisi con mezzi pubblici dalla stazione della metropolitana Didube nel piazzale antistante l’ingresso.

Con un solo Gel (moneta georgiana) si raggiunge Mtskheta con l’utilizzo della marshutka, provando l’esperienza di salire a bordo di questi minibus locali risalenti all’era sovietica.

Con altri 5 Gel si raggiunge il monastero situato sul cucuzzolo della collina.

Se non ti fidi delle marshutka, non disperare: giornalmente partono escursioni per Mtskheta organizzate da tour operator locali che vi accompagneranno alla scoperta di questa meraviglia offrendovi anche un buon bicchiere di vino georgiano.

Quartiere Avlabari – 5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni
5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni
Meidan Bazar – 5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni

Monte Kazbegi e Chiesa della Trinità di Gergeti.

Si tratta dell’escursione più emozionante da fare in giornata partendo da Tbilisi, perchè si va alla scoperta del cuore verde del Caucaso.

Raggiungere la vetta del Monte Kazbegi in totale autonomia non è facile, per cui aggregarsi nei vari tour guidati resta la soluzione migliore.

Nelle tre ore di tragitto, sono molteplici le attrazioni da visitare prima di raggiungere la Chiesa della Trinità, dove godere di un panorama splendido.

Come raggiungere Gori da Tbilisi.

La città natale di Stalin, Gori, è raggiungibile da Tbilisi sia col treno sia con la marshutka.

Per un’esperienza più vera, economica e coinvolgente dal punto di vista sociale consiglio il minibus con partenza sempre dalla stazione Didube di Tbilisi.

Visitare Gori in Georgia è come entrare nella storia con una passeggiata senza tempo. Curiosità: proprio nella città di Gori si produce un ottimo vino intitolato al rivoluzionario russo.

Churchkhela – 5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni
Churchkhela – 5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni
5 Cose da vedere a Tbilisi e dintorni

Altre destinazioni facilmente raggiungibili da Tbilisi sono Kutaisi e Batumi ma che, però, richiedono almeno un giorno in più.

Oppure… perchè non fare un salto in Armenia alla scoperta dei monasteri?

Buon viaggio in Georgia!

 

[Si ringrazia Fabio Sansone del blog di viaggi Lovest per i contenuti]

Autore

Liz, un cuore zingaro ed un’anima zen. Vagabondo nel Mondo da anni in cerca dell’autenticità dei luoghi e dei popoli, ma nonostante tutto amo la mia calda Puglia. Web writer, storyteller, operatrice dei servizi turistici. Viaggio con Marcello, compagno d'avventure, e la piccola India, nostra figlia.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline