Archive

agosto 2019

Browsing

Chi di voi non ha mai sentito parlare del Meridiano di Greenwich? E’ dalle scuole elementari che i bambini, studiando la geografia, vengono affascinati dalla storia dei meridiani e dei paralleli, e dalla storia del meridiano zero di Greenwich. Poi, una volta cresciuti iniziano a viaggiare e irrimediabilmente incappano nel loro primo viaggio a Londra, ignari che proprio lì vicino ci sia “la vera Greenwich”. E che “la vera Greenwich” non sia solo una storia astratta ed intoccabile, ma una reale e  tranquilla cittadina di duecentomila abitanti a sud est di Londra, a circa dieci chilometri da Charing Cross, dichiarata Patrimonio dell’Umanità UNESCO nel 1997. Le origini del nome Greenwich risalgono ai colonizzatori vichinghi, e letteralmente significa “luogo verde” sulla baia o sulla foce del fiume. Difatti Greenwich è sita su un’area pianeggiante a sud della larga ansa del fiume Tamigi, in un punto dove la profondità del letto del fiume…

Reduce da una meravigliosa visita al mondo sotterraneo di Castellana Grotte, nella mia amata Puglia, non vedevo l’ora di visitare le Grotte di Postumia, in Slovenia, classificate tra le più famose al mondo. E allora ne ho approfittato durante il nostro on the road in Slovenia. Le Grotte di Postumia si snodano per un totale di ventuno chilometri di percorso sotterraneo, dove poter ammirare lo strepitoso lavoro che madre natura ha scolpito nella roccia nel corso dei secoli. In particolare in Slovenia si trova una regione, il “Carso”, alle porte dell’Italia, con un sottosuolo ricco di grotte e di fenomeni carsici, qui diffusissimi e studiati. Postumia difatti si trova a circa un’oretta da Trieste, ragion per la quale è visitata da molti turisti italiani. In questo post voglio parlarvi della visita alle Grotte di Postumia. Molto spesso le Grotte di Postumia sono visitate assieme al Castello di Predjama, a dieci…

Durante il nostro on the road in Slovenia, Lubiana, la capitale di questa Terra così verde e pulita, non poteva di certo mancare. E così dopo una piccola fuga al Lago di Bled ci siam messi in auto per raggiungerla, curiosi di passeggiare tra le sue strade. In realtà l’approccio alla capitale slovena è stato un po’ strano. Lubiana è un miscuglio armonico, è un po’ Berlino, un po’ Parigi; è un po’ Praga, un po’ Budapest, con qualche richiamo italiano: scoprirla è stato molto piacevole, soprattutto perché abbiamo scovato tanta bellezza che Lubiana preserva, fortunatamente non essendo ancora sfociata nel turismo di massa. Un matrimonio di architetture e stili diversi, graziosi caffè come salottini in città a cielo aperto. Dopo la proclamazione della sua indipendenza dalla Jugoslavia nel 1991, Lubiana ha aperto le porte al turismo classificandosi una delle mete più green ed economica europea. E allora ecco un…

Inline
Inline