Torniamo a Napoli almeno tre volte l’anno.

Ci piace così tanto: Napoli è verace, autentica, genuina.

Spartana e decadente, contradditoria, a tratti raffinata e stucchevolmente elegante. Saporita.

Questa volta ci siam tornati per la visita al Parco Archeologico di Ercolano, e dopodiché, in vista di San Valentino (e da amanti spassionati del buon vino), abbiamo deciso di regalarci un’esperienza un po’ diversa dal solito.

Abbiamo scoperto Musement, un portale web che offre ai viaggiatori una vasta scelta tra esperienze insolite, wine & food experiences, ingressi saltacoda per musei e attrazioni, attività sportive e avventurose, biglietti per concerti e spettacoli teatrali, percorsi benessere e tanto altro. Avevamo l’imbarazzo della scelta:

abbiamo optato per una romantica wine & food experience alle pendici del Vesuvio.

Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio

Eravamo curiosi di degustare i vini vesuviani abbinati alla buona cucina Partenopea a chilometro zero, perché sapevamo che il suolo vulcanico ha una peculiarità: è ricco di minerali, pietre pomici, sabbia e lapilli che lo rendono molto fertile, poroso e facilmente drenante, donando ai prodotti della terra quella tipicità unica di sapori e prevenendoli dall’attacco dei parassiti.

Dopo aver prenotato l’esperienza online dal sito di Musement, abbiamo incontrato la gentile Marcella nel centro di Napoli che ci ha accompagnati a Boscotrecase, una località a pochi chilometri da Napoli, alle falde del Vesuvio.

Wine Experience alle pendici del Vesuvio con Musement:

la nostra esperienza.

In una strepitosa cornice naturalistica, immersa nel Parco Nazionale del Vesuvio, ci ha accolti la Tenuta Sorrentino, antica trecento anni, che indiscussa continua a tramandare nel tempo la tradizione agricola e vitivinicola e la produzione del leggendario Lacryma Christi .

L’aria frizzantina ci ha accompagnati nella piacevole visita tra i vitigni.

Passeggiavamo osservando il paesaggio attorno a noi: ettari ed ettari di vigne, con il Vesuvio come sfondo a far da attento scrutatore, e alle spalle, la penisola Sorrentina a regalare uno scorcio marino meraviglioso.

Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio
Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio
Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio

Dorme il sonno dei giusti, il saggio Vesuvio, guai a chi osa destarlo…

L’uomo da tre secoli raccoglie i generosi frutti che deliziano i suoi larghi fianchi: uve pregiate ed uniche che crescono su questa nera e fertile terra, e che vengono poi trasformate nell’elisir della gioia, che colora le gole e le gote: il vino, il nettare sacro!

Giusy, la nostra guida, ci spiegava che la produzione è al 100% biologica, non vi è l’uso di prodotti chimici fitosanitari che potrebbero, a lungo andare, danneggiare l’equilibrio naturale.

E’stato anche interessante scoprire i sistemi di potatura utilizzati: orizzontale, o a pergola vesuviana tradizionale, che assicura l’esposizione solare dall’alto; verticale, o guyot, che assicura l’esposizione solare a 360 gradi.

Le varietà autoctone coltivate che abbiamo poi degustato sono il Caprettone, la Falanghina, la Catalanesca, il Piedirosso e l’Aglianico.

Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio
Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio

Una terrazza con affaccio sul golfo di Napoli ci ha poi caldamente accolti per il percorso “dalla terra alla tavola”.

Ci siamo accomodati al nostro tavolo, con gli occhi fissi sul panorama, e abbiamo lentamente degustato le cinque tipologie di vino accompagnato dalle prelibatezze impiattate che la terra vesuviana offre, tra cui lo spaghetto al supremo pomodoro del pinnolo bio e la deliziosissima parmigiana di verdure.

Tutto quel che degustavamo era spiegato con gentilezza dal personale che serviva le pietanze ed il vino: di quest’ultimo, di ogni tipologia ne apprendevamo la qualità del terreno, il sistema di allevamento, la modalità di vinificazione, la gradazione alcolica e la resa per ettaro. Sul palato e nella bocca, si alternavano note aromatiche, a volte fruttate, a volte acidule, a volte molto dolci, ma così divine. Ci facevamo coccolare dai racconti e dalle descrizioni dei caratteri del vino che stavamo per bere, dai colori che cambiavano sfumatura nel calice, dal profumo di cui ci inebriava il vino evaporando.

Ridenti e sazi, a fine esperienza abbiamo acquistato del vino, il Don Paolo, che ci è piaciuto particolarmente, e poi abbiam ritrovato Marcella che ci ha riportati a Napoli.

Questa esperienza è stata un viaggio sensoriale a partire dalla natura nuda e cruda della vigna e della terra, a finire al regale prodotto finito in tavola, servito in calice: il vino.

Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio

Wine Experience alle pendici del Vesuvio con Musement:

qualche informazione utile.

Musement è una piattaforma web che offre ai viaggiatori una vasta scelta di esperienze insolite, wine & food experiences, ingressi saltacoda per musei e attrazioni, attività sportive e avventurose, biglietti per concerti e spettacoli teatrali, percorsi benessere e tanto altro in Italia, in Europa e nel Mondo.

Basta cercare con la lente d’ingrandimento la città in cui si vuol fare l’esperienza: ad esempio, per la nostra wine experience, abbiamo cercato “Napoli” e abbiamo scelto tra l’elenco di esperienze proposte.

Prenotare un’esperienza con Musement è comodo e veloce, in quanto la prenotazione viene effettuata online e nella maggior parte dei casi non serve il voucher cartaceo per partecipare all’esperienza: si risparmia tempo perché spesso non c’è neanche bisogno di passare dalla biglietteria per convertire il voucher elettronico.

Noi ci siam trovati benissimo e ci siam sentiti coccolati con le loro e-mail sia prima che dopo l’esperienza.

Una romantica Wine Experience alle pendici del Vesuvio

Buon Viaggio!

Annalisa e Marcello.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline