Quando abbiamo deciso di prenotare il nostro viaggio in Slovenia,

eravamo così gasati per la partenza, ma così indecisi sull’itinerario da percorrere.

Per quanto piccola possa sembrare, difatti, abbiamo scoperto che questa Terra è immensa, regala scorci naturalistici e luoghi d’interesse meravigliosi in ogni suo piccolo metro quadro.

Noi purtroppo, avendo solo tre giorni pieni a disposizione, abbiamo dovuto fare delle scelte, sacrificando alcuni luoghi. Essendo la nostra prima volta in Slovenia, abbiamo deciso di non farci mancare proprio i must to see. Ma ci siam promessi di ritornare quanto prima.

Nonostante per mancanza di tempo non ci siam potuti inoltrare nei meandri del Parco Nazionale del Triglav o in altre zone più inerpicate, esplorare la Slovenia in tre giorni con questo itinerario on the road è bastato per poter capire l’anima di questa Terra estremamente verde e pulita.

Siamo atterrati all’aeroporto di Trieste (Ronchi dei Legionari) e abbiamo noleggiato un’auto per comodità, in quanto se avremmo scelto l’autobus saremmo stati soggetti ad orari e fermate (che con breve tempo a disposizione non permettono libertà di organizzazione e movimento).

In questo post voglio parlarvi dell’itinerario che, eventualmente, potete seguire in Slovenia se avete tre giorni a disposizione.

Per ogni località che citerò, potrete trovare il post specifico e più approfondito nei link di riferimento, oltre a consigliarvi anche dove dormire.

Parco del Triglav – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente
Sulla pletna, sul Lago di Bled – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente

Situazione strade in Slovenia: cosa sapere.

Nota molto importante.

Le strade in Slovenia sono messe molto bene. Sono ben collegate e ben percorribili.

Provenendo via terra dall’Italia però, è bene sapere che per poter percorrere le strade slovene c’è bisogno obbligatoriamente di un bollino, chiamato vignetta slovena, che ha prezzi e durata variabile in base alle esigenze del viaggiatore.

Per più informazioni e dettagli vi rimando al post dove parlavo proprio della vignetta autostradale slovena, dei prezzi, dei luoghi dove acquistarla e della durata.

Non ignorate assolutamente questo aspetto perché i controlli sono molto frequenti e le multe sono salatissime.

[Leggi anche: In auto in Slovenia, MAI senza vignetta autostradale!]

Slovenia in tre giorni: itinerario.

L’itinerario di tre giorni in Slovenia che vi propongo è consigliato soprattutto per chi non è mai stato in Slovenia e vorrebbe scoprire dapprima i luoghi imperdibili di questa Terra.

Partendo da Trieste, abbiamo preferito allontanarci verso la meta più lontana, Bled, per poi riavvicinarci lentamente, tappa dopo tappa, di nuovo a Trieste. Di seguito l’itinerario:

GIORNO 1: Bled, Gole del Vintgar.

Dall’aeroporto Ronchi dei Legionari a Bled ci vogliono circa 170KM.

In mattinata ci siamo dedicati alla visita di Bled: abbiamo passeggiato lungo il Lago di Bled, visitato il Castello, abbiamo fatto un giro sul lago a bordo di una imbarcazione tipica slovena, la pletna, raggiungendo l’isoletta del lago.

Dopo pranzo abbiamo degustato la Cream Cake, la torta tipica di Bled, seduti nel famoso Kavarna Park Cafè, su una meravigliosa terrazza panoramica sulle sponde del lago.

[Leggi anche: L’originale millefoglie slovena: la Kremna Rezina di Bled]

Nel pomeriggio abbiamo raggiunto in auto le Gole del Vintgar, a 10KM da Bled, e abbiamo percorso tutta la gola (il tempo stimato è di circa un’ora e mezza).

A Bled, abbiamo dormito presso l’Hotel Park, l’hotel che si trova proprio sulle sponde del lago, famoso perché il suo direttore ha creato, nel 1956, l’originale Cream Cake. L’hotel è pulitissimo, accogliente, family friendly ed in chiave ecosostenibile. La colazione è… spaziale!

Per una migliore visita di Bled vi rimando al post su cosa vedere assolutamente a Bled.

Lago di Bled – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente
Cream Cake di Bled – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente
Gola del Vintgar – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente

GIORNO 2: Lubiana.

Da Bled a Lubiana si percorrono circa 55KM.

Abbiamo dedicato completamente il secondo giorno alla visita di Lubiana, una chicca. Una chicca conservata benissimo, ci ha stupiti davvero: verde, pulita, silenziosa, ecosostenibile.

Ci siamo persi passeggiando per Metelkova, il quartiere della street art e dei centri sociali, un po’ hippie un po’ (troppo) alternativo.

Poi ci siamo dedicati alla scoperta della città vecchia, passeggiando sul lungofiume, ficcando il naso tra i mercati rionali e raggiungendo a piedi la vetta della collina, dove c’è il castello.

Per una visita migliore, vi rimando al post su cosa vedere assolutamente a Lubiana.

A Lubiana abbiamo soggiornato all’Hostel Celica nel quartiere Metelkova. L’Hostel Celica è il primo ostello di Lubiana, anticamente era una prigione e si dorme in quelle che erano le vecchie celle! E’ in chiave ecosostenibile, è pulitissimo ed offre una colazione molto buona.

Leggi anche: Lubiana, cosa vedere in poco tempo

Metelkova, Lubiana – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente
Lubiana – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente
Lubiana – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente

GIORNO 3: Grotte di Postumia, Castello di Predjama.

Da Lubiana, in 54KM abbiamo raggiunto Postumia.

A Postumia abbiamo visitato le grotte: uno spettacolo naturale oltre le aspettative, dove i fenomeni carsici si elevano e si mostrano in tutta la loro bellezza. Dopo aver acquistato il ticket si raggiunge l’ingresso dove vi è un trenino che per gran parte attraversa le grotte e si ferma nella zona da dove comincia una passerella antiscivolo che si protrae per tutto il percorso della visita guidata, per meno di due chilometri.

Il percorso dura circa un’ora e mezza. All’interno delle grotte la temperatura è di 8-10 gradi, dunque consiglio vivamente di portare una giacca pesante ed i pantaloni lunghi.

Dalle grotte di Postumia vi è un autobus che gratuitamente porta al Castello di Predjama, in circa dieci minuti di strada. Passa regolarmente ogni venti minuti. Ve ne parlo meglio nel post dedicato alla visita alle Grotte di Postumia.

Il Castello di Predjama è iscritto nel libro del Guinness dei Primati in quanto è il castello più grande al Mondo costruito in una grotta. Qui in questo castello aleggiano le leggende di Erasmo da Predjama. La visita al castello è essenziale per capire quanto questa fortezza medievale sia stata utile per protezione e sicurezza. In un certo punto si può apprezzare anche la fusione tra la grotta naturale ed il cemento aggiunto dall’uomo per costruire il resto del castello. Ve ne parlo meglio nel post dedicato alla visita del Castello di Predjama.

Dato gli elevati prezzi dei ticket di entrambe le attrazioni, vi ricordo che se siete interessati anche a scoprire sia il Castello di Predjama che le grotte è possibile acquistare anche un tour di una giornata delle Grotte di Postumia e del Castello di Predjama con prelievo da Lubiana comprensivo di biglietti di entrata, guida e autobus. Oppure potete acquistare un unico biglietto per risparmiare, al prezzo di 31,90 euro.

A Postumia abbiamo scelto l’Hostel Eagle’s Nest: un ostello nuovissimo, pulito nel centro di Postumia che offre sia camerate che stanze doppie. Laura, la proprietaria, è dolcissima e vi farà sentire “come a casa”.

Castello di Predjama – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente
Castello di Predjama – Slovenia in tre giorni: cosa vedere assolutamente

Finisce così, in direzione aeroporto di Trieste (a circa 45 minuti da Predjama) il nostro viaggio in Slovenia. E voi, quale tappa farete?

Non posso che augurarvi buon viaggio 🙂

Annalisa.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline