La Puglia ed i suoi primati.

Le Grotte di Castellana, da circa ottant’anni, costituiscono il complesso speleologico più importante d’Italia e d’Europa, sia per la loro estensione che per la ricchezza delle concrezioni cristalline. Un mondo sotterraneo a sé stante, che lascia interdetti. Che rende l’Uomo così piccolo, dinanzi alla vastità della natura e del suo corso. Una passeggiata nelle viscere dell’agro barese, adornata da strane formazioni in carbonato di calcio.

Grotta de La Grave.

Ma andiamo con ordine: quando sono state scoperte?

Era il 23 Gennaio 1938, quando il professor Franco Anelli, uno dei massimi esponenti della speleologia di quei tempi, decise di calarsi con una scaletta attraverso La Grave, nome che indicava una enorme voragine presente sul suolo urbano, all’epoca utilizzata dagli abitanti di Castellana Grotte come discarica di rifiuti. Oggi, il nome La Grave sta ad indicare proprio la prima grotta, alta 60 metri, dalla quale si può ancora ammirare la voragine. E’ proprio da qui che inizia la visita nei meandri del Mondo sotterraneo.

Le concrezioni, visibili già nella prima grotta, sono interamente costituite da carbonato di calcio. La roccia calcarea sedimentaria è difatti l’anima dell’agro barese. L’acqua piovana, arricchendo il suolo di anidride carbonica, forma l’acido carbonico, soluzione molto acida che corrode la roccia trasformandola in bicarbonato di calcio. E, goccia dopo goccia, nei secoli si son formate le meravigliose concrezioni calcaree che oggi chiamiamo stalattiti stalagmiti. Le stalattiti si sviluppano dall’alto verso il basso e crescono mediamente di un centimetro ogni cinquant’anni. Le stalagmiti si sviluppano dal basso verso l’alto, crescendo di un centimetro ogni cento anni. Le colonne non sono altro che l’unione tra stalattiti e stalagmiti.

La Grave, voragine dalla quale entrò il professor Franco Anelli.

Nelle grotte, i colori variano dal verde del muschio e delle alghe preistoriche, al bianco del carbonato di calcio puro, all’arancio, rosso e marrone, risultato dell’unione tra carbonato di calcio e altri minerali, ossidi e idrossidi di cui è ricco il suolo pugliese. La temperatura si stabilizza intorno ai 17 gradi centigradi e l’umidità ha anche picchi del 100%, per questo è sempre consigliato portare una felpa o comunque un indumento lungo.

Poter passeggiare nei sontuosi canyon che si susseguono imperterriti a 70 metri sotto il suolo, in un luogo che possiede circa 90 milioni di anni di storia, sembra quasi irreale. Le stalattiti e stalagmiti posseggono una bellezza autentica, primordiale, e soffermarsi a guardarle può solo scatenare un processo d’inferiorità nell’Uomo e dell’Uomo, di fronte alla straordinaria eloquenza di Madre Natura.

Laghetto di Cristalli.

E con un pizzico di fantasia, l’Uomo ha rinominato molte delle formazioni eccentriche e bizzarre che con il tempo si son create: dalla Lupa, per rievocare i tempi romani, a paesaggi messicani, rovine di castelli, altari, alla Torre di Pisa, a figure animalesche come la civetta, il polpo, il cammello, il serpente.

Ho paragonato le Grotte di Castellana ad un simil Inferno dantesco, incalzando l’ascesa verso il Paradiso.

L’emozione più grande, difatti, l’ho provata varcando la soglia della Grotta Bianca: si dice sia la grotta più bella al Mondo.

Straordinarie concrezioni in carbonato di calcio puro, luminose, bianchissime, ineffabili, divine. Superbe.

Non dimenticherò mai il candore e la purezza di questo luogo paradisiaco.

Grotta Bianca.
Grotta Bianca.

Qualche informazione.

Le Grotte di Castellana si trovano a Castellana Grotte (BA) in Piazzale Anelli.

La visita delle Grotte si snoda lungo un percorso agevolmente percorribile. E’ possibile scegliere tra due itinerari: l‘itinerario lungo, di 3km, che porta fin in Grotta Bianca. Ha un costo di 16 euro e dura 120 minuti; l‘itinerario breve, di 1,5km, ha un costo di 12 euro e dura circa 50 minuti. Il calendario dell’apertura delle Grotte è disponibile qui. Per ulteriori informazioni, visitate il sito delle Grotte di Castellana o rivolgetevi al numero verde 800213976.

E’ possibile anche percorrere le Grotte di Castellana al buio, in una esperienza unica nel suo genere chiamata SPELEONIGHT: i visitatori vengono equipaggiati con caschetto, illuminazione ad acetilene e bomboletta, e accompagnati dalle guide del Gruppo Puglia Grotte. Durante la Speleonight si possono ascoltare i suoni delle grotte e scorgere la fauna che all’interno ci vive. Inoltre, si può percorrere alcuni tratti totalmente in solitaria. Il costo del biglietto è di 25 euro e si può partecipare solo in un gruppo di minimo 15 persone. Per ulteriori informazioni, contattare il numero 0804998221.

Inoltre, la Grotta de La Grave è la protagonista assoluta dello spettacolo danzante “HELL IN THE CAVE – VERSI DANZANTI NELL’ AERE FOSCO“. In scena, le suggestioni dell’Inferno dantesco al centro della Terra. Enrico Romita lo definisce <<uno spettacolo che unisce danza, voci, suoni e luci nella scenografia naturale delle Grotte di Castellana. Uno spettacolo di dimensioni macroscopiche, un allestimento multimediale grandioso ed importante, capace di abbracciare l’intero ambiente naturale come spazio scenico, dove le dinamiche teatrali innovative cattureranno il pubblico per condurlo in una straordinaria avventura nell’Inferno di Dante>>.
Per informazioni su date e biglietti visitate il sito.

Proiezioni per Hell in the Cave.

Dove Dormire?

Castellana Grotte è la porta della Valle d’Itria: per questo motivo, non potevo che scegliere una antica e tipica Masseria ottocentesca a conduzione familiare immersa nella quiete e nella estesa, verde e dominante valle pugliese.

Si tratta del B&B Relais La Masseriola, a pochi chilometri dalle Grotte di Castellana e dalla caratteristica Alberobello.

Eleganza e raffinatezza delle camere, cura nei dettagli,genuinità e contatto con la natura s’intrecciano, donando all’ospite quel senso di pace e quiete interiore in totale armonia con l’ambiente esterno. I tramonti e le albe sono particolarmente emozionanti, se goduti sulla terrazza della Masseria, con affaccio sul bosco.

I risvegli si fanno deliziosi, se allietati dai prodotti tipici biologici pugliesi, dai dolci fatti in casa dalle mani di Angela, e dai racconti di Simone. Inoltre Saverio, il proprietario della Masseria, permette agli ospiti di poter assistere alla mungitura del latte sia all’alba che al tramonto, avvicinandoli all’agricoltura, alla sana alimentazione e alla realtà attiva della vita in Masseria.

Guarda il Video!

Per ulteriori informazioni:

Tel.: +39 331 984 1246

O visitate il sito.

ENJOY 🙂

24 Comments

    • Annalisa De Chirico Reply

      Sono contenta di avertene messa al corrente: sono il complesso speleologico più importante d’Europa e d’Italia 🙂

    • Annalisa De Chirico Reply

      Te lo auguro Ylenia, sarò contenta di fornirti info e consigli:-)

  1. Wow, queste grotte sono spettacolari. Non sapevo che oltre alle mille meraviglie che offre la Puglia, ci fossero anche queste!
    Se ti piacciono le grotte e capiti in Sardegna ti consiglio di dare un’occhiata alle grotte di Nettuno 🙂

  2. La ragazza del tè Reply

    Non smetterò mai di dire che adoro la stalattite a forma di ballerina 😍 , è una delle parti che adoro principalmente.

    • Annalisa De Chirico Reply

      Esatto, ma anche il villaggio Messicano, o le rovine del castello! 🙂

  3. Sono stata alle grotte all’inizio di giugno… è pura magia! Sarei curiosa di vedere lo spettacolo dantesco!!

  4. quando uno pensa alla Puglia ha in mente centinaia e centinaia di posti…io le grotte di castellana non le conoscevo, ma le inserisco nei luoghi dove vorrei andare!!!

  5. Le grotte di Castellana sono uno spettacolo che mi è rimasto impresso, ci sono stata molti anni fa e mi piacerebbe molto ritornarci. La masseria è stupenda!

  6. Natalia morgillo Reply

    Wow sono rimasta affascinata da queste grotte !! Sono stata in Puglia ma sfortunatamente non ho avuto l’occasione di visitarle . Anche la Masseria è bellissima . Chissà al prossimo viaggio 🙂

Lascia un commento