Phuket.

Un’isola a tratti selvaggia, a tratti tanto (forse troppo) antropizzata.

Per metà autentica, per metà falsata.

Ma una cosa è certa: Phuket serba paesaggi naturali meravigliosi, tanto da esser diventata una delle mete turistiche balneari più ambite sia dal turismo di massa che dai viaggiatori in solitaria.

E tralasciando la quasi triste nomea del turismo sessuale che quest’isola si porta dietro, limitata alle zone di Patong (con precisione a Bangla Road), sono del parere che Phuket nel suo piccolo sappia donare emozioni indimenticabili.

Non amo particolarmente i luoghi di solo mare e relax, non vado dall’altra parte del Mondo per poltrire in spiaggia o per bermi cocktail in abiti succinti nella più disparata vita notturna. E’ nella mia etica di viaggio.

Phuket per me è stata solo l’epilogo di un viaggio in Thailandia grandioso, e dopo aver vissuto per bene Bangkok e la Thailandia del Nord, ho scelto di riposarmi quattro giorni qui.

Non mi aspettavo grandi cose oltre a quello che già sapevo: paesaggi immacolati, un mare idilliaco, una frastornante vita notturna e tanto relax. Tanti resort, e tanti turisti.

Bene, Phuket è davvero questo. Ma non solo. Ed è stato sorprendente scoprirlo.

Perché Phuket ha un’anima antica  conservata nel suo centro storico, Phuket Town, che mostra con fierezza ancora meravigliose dimore coloniali e architetture cino-portoghesi, testimonianze di un’epoca ormai lontana.

Perché a Phuket ci si muove con quegli autobus sgangherati dove ci si ammassa tutti in una carrozza di legno aperta, perché a Phuket ci sono i mercati rionali, lo street food con l’odore forte che s’impiglia nei capelli e nei vestiti e ti accompagna finchè non ti fai una doccia. Perché a Phuket c’è della vita, genuina e vera, si respira tra le botteghe storiche, nei ristoranti local, nei templi e nei santuari.

Quindi al diavolo gli stereotipi: questo posto, sì, un’anima ce l’ha eccome.

In questo post voglio parlarvi di cosa vedere a Phuket e di cosa fare sull’isola.

Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane
Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane

Cosa vedere a Phuket: le spiagge più famose.

Le spiagge a Phuket sono molto belle e variegate con scorci di vegetazione davvero singolari. In tutti i punti balneari si possono praticare sport d’acqua: snorkeling, diving, fare un bagno con le tartarughe, surf, canoa, parafly e tanto altro.

  • Karon Beach e Kata Beach. Sono le due spiagge più belle di Phuket: acque limpide e cristalline, spiagge grandi e lunghe famose per i tramonti spettacolari che si possono ammirare da qui. Se cercate movida però, vi consiglio di non alloggiare qui, perché è una zona molto tranquilla e di sera i locali chiudono presto;

  • Patong Beach. La spiaggia non è bellissima, non lascia stupiti come Karon e Kata. Però la spiaggia di Patong è la più grande di Phuket ed è un must per chi cerca divertimento, musica, locali e party di giorno e di notte: se state cercando sia questo che il relax, Patong fa per voi; per un mare più limpido nelle vicinanze, posso consigliarvi la Freedom Beach, nolto più silenziosa di Patong;

  •  Nai Harn Beach. E’ una zona molto tranquilla di Phuket e meno bazzicata dal turismo di massa, e per questo più naturale e selvaggia. Inoltre è abbracciata da mangrovie e pini marittimi, si trova in una baia, immersa nel parco nazionale di Sirinath.

  • Mai Khao Beach. Undici chilometri di spiaggia accompagnano il viaggiatore in una piacevole passeggiata. Mai Khao Beach è la spiaggia più lunga di Phuket. E’ circondata dai pini marittimi che tinteggiano la vegetazione circostante. E’ proprio in  questa spiaggia che tra dicembre e febbraio si possono incontrare le tartarughe marine che depongono le uova;

  • Paradise Beach. Un tempo era una spiaggia selvaggia ed incontaminata perché remota e non semplice da raggiungere. Oggi, la spiaggia rimane comunque molto bella ma ha la parvenza di un centro commerciale! Ristoranti, negozi, bar, locali, palchi da ballo: e l’ingresso non è gratuito, ma a pagamento!

  • Laem Singh Beach. Questa spiaggia è paradisiaca, ha l’aspetto di una spiaggia caraibica! E’ accessibile via mare con 100 bath da Surin Beach, oppure via terra tramite una scalata non molto difficoltosa che parte dal Patcharin Seafood di Surin Beach.

Cosa vedere a Phuket: le isole.

Per esplorare e godere ancor più della meraviglia del Mar delle Andamane potete visitare le isole al largo di Phuket. Phi Phi Islands, Bamboo Island, Surin Island, Similan Islands e Phang Nga (“l’isola di James Bond”) con il villaggio di pescatori Koh Panyee sono solo alcuni dei paradisi tropicali thailandesi. Come poterveli descrivere…? Non ci sono parole.

Giornalmente partono dal centro città o dagli hotel delle varie spiagge delle escursioni organizzate della durata di una giornata con autobus e barca: chiedete informazioni in reception o in una delle tante agenzie di escursioni poste a Patong.

Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane
Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane
Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane

Cosa vedere a Phuket: Phuket Town.

Come vi scrivevo nell’introduzione, Phuket Town è la vera anima di quest’isola.

Durante la mia permanenza a Phuket ho voluto avventurarmi in uno di quegli strani autobus locali sgangherati che passavano per strada ogni tanto, per arrivare poi nel centro storico. Mi hanno incuriosita, e li ho preferiti di gran lunga ai taxi e ai tuk tuk perché più caratteristici e anche molto economici: una corsa costa meno di un euro!

Il centro storico di Phuket è originale, vero, genuino, intaccato.

Mercati rionali, architetture coloniali e portoghesi, motorini che sfrecciano senza regole, cavi elettrici a vista, sartorie e botteghe artigiane in locali storici, ristorantini graziosi, templi e santuari, bancarelle con street food odorante. Rinunciate ad una mezza giornata al mare per dedicarvi alla visita di Phuket Town: non ve ne pentirete.

Qui potrete trovare anche la casa sottosopra, la Baan Teelanka: si entra dal tetto e si esce dal piano terra, con il soffitto sotto i piedi e tutti i mobili che penzolano all’ingiù!

Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane
Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane
Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane
Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane

Cosa vedere a Phuket: il Big Buddha, l’Elephant Jungle, i templi.

Il Big Buddha è una statua di marmo edificata nel 2004 grazie alle tante donazioni dei thailandesi. Ci si può salire su, e si può godere di un panorama mozzafiato su tre baie di Phuket, a 45 metri di altezza. Mi raccomando all’abbigliamento: no a minigonne o a pantaloncini corti, o sarete costretti ad indossare un Sarong. E a non parlare ad alta voce!

L’Elephant Jungle Sanctuarydi Phuket è la maniera più ecosostenibile di incontrare gli elefanti, questi giganti buoni. In alcuni campi dove gli elefanti son lasciati liberi, i viaggiatori possono avvicinarsi, accarezzarli, dargli da mangiare e fare il bagno con loro.

Per quanto riguarda i templi, potete visitare il Phra Nang Sang ed il tempio di Chalong.

Cosa vedere a Phuket: i mercati.

A Phuket potrete trovare una vasta scelta di mercatini! I più famosi sono:

  • Il mercato della Domenica di Phuket Town in Thalang Road (17:00/21:00);

  • Il mercato Chillva, il più giovanile, a Yowarat Road (ogni giorno 17:00/23:00);

  • Week-end Market, il Sabato e la Domenica di fronte il Tempio di Naka (16:00/21:00);

  • Malin Plaza a Patong (dalle 14 di ogni pomeriggio).

Cosa vedere a Phuket:panorama a Capo Promthep.

Capo Promthep è il punto più panoramico di Phuket: recatevi al tramonto e rimanete senza fiato.

Phuket, viaggio nella Perla delle Andamane

Buon viaggio!

Annalisa

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline