Ho iniziato a viaggiare davvero a diciott’anni. Con la curiosità di un’appena maggiorenne che conosce tre lingue, che ha studiato solo sui libri culture e tradizioni di tre Paesi Europei. Ho iniziato a viaggiare con tanta paura, di andare, andare da sola e perdermi, volendo toccare con mano tutto ciò che quelle righe descrivevano minuziosamente, volendo con prepotenza conoscere di persona quelli che per me erano solo “posti” che mi sembravano così impossibili da raggiungere e lontani. E così è stato. Prima Monaco di Baviera, poi Londra, poi Parigi. E poi non mi son più fermata, ricadevo nella sana follia di andare, conoscere, vivere, e ho scoperto l’Europa. Qui vi racconto un po’ della mia storia.

Giocherellando con la cartina geografica del Mondo, poi, ho iniziato a non bastarmi. Vanno bene i voli low cost per l’Europa, gli on the road con i treni, le dormite condivise in ostello. Ma avevo proprio voglia di sconfinare. Sconfinare nel senso di scavalcare le frontiere imposte dalla società e dal Mondo. Ho guardato giù, oltre la Spagna. Ecco la Porta d’Africa, il Marocco, una Terra che mi affascinava da sempre, nonostante la società la etichetti come pericolosa e borderline. Ho voluto strafare: ho prenotato un volo per Marrakech con ritorno da Fez, ho pianificato un on the road di 14 giorni con i treni anche in questa Terra, ho richiesto il passaporto e senza paura, sono partita.

Perché anche al di fuori dell’Unione Europea, si possono trovare dei voli economici diretti in luoghi bellissimi. Perché anche a tre ore di volo, si viene catapultati in un altro mondo, in un’altra cultura, in un’altra arte: perché rinunciarci? Ho dovuto, dunque, informarmi per emettere il mio passaporto, e per iniziare a riempirlo con i famigerati timbri. In questo post vi descrivo tutte le mosse giuste per poter richiedere il passaporto e per poter scavalcare le frontiere Europee, godendo del Mondo. 

Ma andiamo con ordine.

Quando serve il passaporto?

Il passaporto serve per viaggiare in quasi tutti i Paesi non compresi nell’UE. Vi consiglio di informarvi sempre visitando il sito della Farnesina e digitando il nome della destinazione a cui siete interessati: il sito vi elencherà tutti i documenti necessari per la partenza. Fate sempre attenzione: se siete già in possesso del Passaporto, accertatevi della sua validità. Può succedere che, pur non essendo scaduto, alcuni Paesi esigano la validità di almeno sei mesi, e quindi dovreste necessariamente rinnovarlo.

Quanti passaporti esistono?

Tre tipi. Esiste il passaporto a lettura ottica, emesso fino all’anno 2005. Lo si riconosce dalla fototessera applicata dal titolare nella parte inferiore della prima pagina. Un altro tipo di passaporto è quello a lettura ottica con la foto digitale, emesso dal 2005 in poi, che differisce dal primo in materia di fotografia: è scansionata e applicata tra le due bande di caratteri. A partire dal 2006 il passaporto è elettronico, con la fotografia digitale nella parte superiore destra della prima pagina e con un microchip nella copertina che raccoglie i dati anagrafici del titolare. Nel nostro Paese viene emesso il Passaporto Elettronico. Si tratta di un documento cartaceo comprendente quarantotto pagine di cui la prima è la pagina che comprende i dati del titolare e la seconda contiene la sua firma digitale. Può essere rilasciato a tutti i cittadini italiani. Da qualche anno esiste anche il servizio Passaporto a Domicilio che consegna direttamente il Passaporto a casa, con un costo di 8.20€ a carico del destinatario.

Come ottenerlo?

 Consultando la sezione del Sito Web della Polizia di Stato, ove si può prenotare un appuntamento per evitare lunghe ore di attesa in fila. Bisognerà poi compilare la domanda che troverete all’interno del sito, e consegnarla nella data e nell’ora che avete prefissato in uno dei seguenti uffici che potete scegliere e selezionare in base alla vostra residenza: in questura, all’ufficio passaporti della pubblica sicurezza o nella stazione dei carabinieri. Vi consiglio di scegliere la questura, ove possibile, per apporre le vostre impronte digitali unitamente alla consegna della domanda. Il passaporto può essere richiesto dagli italiani ivi residenti, presso gli uffici elencati sopra, o dagli italiani all’estero, presso i consolati competenti. Il passaporto ha validità di dieci anni. 

Quali documenti presentare?

  • Modulo di richiesta del Passaporto stampato dal sito della Polizia di Stato;

  • Un documento di riconoscimento in corso di validità;

  • Due fototessere uguali e recenti (leggi le linee guida circa le fototessere);

  • La ricevuta del c/c postale di €42.50 effettuato mediante un bollettino num. 67422808 intestato al Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del Tesoro, con causale “Importo per il rilascio del Passaporto Elettronico”;

  • Una marca da bollo di 73.50€ che potete acquistare in un tabacchi.

Di solito i tempi di consegna variano da 5 a 20 giorni. Per il passaporto a domicilio ci vuole un po’ più di tempo.

E per i minorenni?

Per i minorenni vale la stessa procedura degli adulti, con la differenza del modulo di richiesta che trovate sul sito della Polizia di Stato. Per i minori da 0 a 3 anni, la validità del Passaporto è di 3 anni. Per i minori dai 5 ai 18 anni, la validità è estesa a 5 anni.

Il rinnovo del Passaporto.

Ogni dieci anni, il passaporto non viene rinnovato ma riconsegnato in questura e va richiesto uno nuovo, con la stessa identica procedura per la prima emissione. La stessa procedura vale per furto, smarrimento (con denuncia) o deterioramento.

E se proprio non volete rovinarlo, date un’occhiata a questo porta passaporto con la mappa del Mondo: utile e versatile, costa meno di 4 euro, con spedizione gratuita, e consente di riunire tutti i documenti più importanti per il viaggio: passaporto, carte di credito, tessera sanitaria, carta d’identità. Ha anche un elastico che permette la protezione. Io ce l’ho e lo trovo molto comodo.

Annalisa

10 Comments

  1. Adoro il passaporto e quelli scaduti li tengo come tesori! Ottime info

  2. Il tuo articolo è utilissimo!!!
    Grazie, mi hai dato tutte le dritte per avere il passaporto!

  3. veramente utilissimo questo post, non sempre si sa cosa si deve fare per avere il passaporto!

  4. Grazie per queste utili informazioni!!:) Che bello che hai iniziato a viaggiare così giovane!! bacii

  5. A me piange il cuore a pensare di dover riconsegnare il mio passaporto con tutti i timbri…magari lo perderò!

  6. Sembra difficile ma tutto sommato è un procedimento più semplice e veloce del rinnovo della carta d’identità perchè in questura per me non c’è la stessa fila dell’ufficio Anagrafe. Complimenti per l’articolo, ricco e dettagliato!

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *