Monaco di Baviera:

il ricordo del mio primo vero e proprio viaggio fuori dall’Italia.

Ci sono stata otto giorni, nei quali ho cercato di vivere a pieno tutti i luoghi e le persone che ho incontrato. E ci sono stata nel periodo dei Mercatini di Natale, quando Monaco si veste a festa ed è tutto un brulicare di luci e di gente.

Monaco mi è piaciuta da subito: sarà stata la sua atmosfera natalizia a tratti malinconica, o l’allegria che la notte saltava fuori per le strade e nei locali, al sapore di birra e bretzel. Famosa e rinomata per l’Oktoberfest, Monaco però non è solo la culla della festa della birra.

Vi suggerisco cosa visitare in città in tre o quattro giorni.

Marienplatz è la piazza principale della città, e si trova ad Altstadt.

Caotica, carica, allegra, sempre in movimento. Fermatevi a gustare una birra in un localino e ad osservare tutto quello che succede intorno a voi. Su Marienplatz si affaccia il vecchio municipio, il Neus Rathaus, con il Glockenspiel, il famoso e buffo carillon che alle 11 o alle 12 si anima con uno spettacolo di cui… non vi svelo nulla! Tanta gente però a quell’ora è col naso in su a vedere cosa succede.

Attraverso una delle stradine laterali alla piazza vi è il Viktualienmarkt, un mercatino super variopinto dove si possono acquistare prelibatezze locali e dal Mondo e dove potrete scattare delle belle e colorate fotografie.

Ad Altstadt ci sono anche le chiese più famose di Monaco: il Duomo, con le guglie a forma di cipolla; S. Peterskirche, la chiesa più antica di Monaco; la Theatinenkirche, con la sua facciata color senape; Asamkirche.

Duomo ~ Birra, bretzel e cultura a Monaco di Baviera.
Glockenspiel ~ Birra, bretzel e cultura a Monaco di Baviera.

Un’altra meraviglia di Monaco di Baviera è il palazzo reale della dinastia Wittelsbach: meglio conosciuta come Residenz, ospita novanta sale aperte ai visitatori ed il teatro rococò più bello d’Europa, il Cuvilles.

Per una passeggiata di relax potete scegliere l’Englischer Garten: è un parco immenso in pieno centro città, dove potrete rilassarvi bevendo una birra, stendendovi sull’erba o ammirando le strane costruzioni in giro per il parco (come le pagode cinesi!) .

Prendendo la metro potrete arrivare al famoso Castello di Nymphenburg:

io ci sono arrivata in un giorno di neve e me ne sono innamorata letteralmente. L’atmosfera è principesca, sembra il castello delle favole. Tra carrozze di cavalli e maestose sale e salotti non potrete non lasciarci un pezzettino di cuore. Il castello fu donato alla principessa Adelaide di Savoia nel 1664, dopo aver partorito il primo figlio. Sale maestose e ricche di ornamenti, decorazioni, opere d’arte, sculture e anche cimeli della famiglia Wittelsbach di Baviera.

Nel Castello vi è anche il museo delle carrozze, oltre ad ettari ed ettari di giardini dove potrete rilassarvi dopo la visita.

Veduta ~ Birra, bretzel e cultura a Monaco di Baviera.
Cartoline ~ Birra, bretzel e cultura a Monaco di Baviera.

Il Kunstareal è il quartiere dove sono concentrati tutti i musei.

Vi consiglio, in base ai vostri interessi, di scegliere il museo che più possa piacervi per evitare sprechi di tempo. I musei difatti sono tantissimi e ci metterete settimane intere per vederli tutti!

Per gli appassionati d’arte classica posso consigliarvi la Gliptoteca, una collezione di statue antiche; l’Antikensammlungen, che conserva sculture greche, romane ed etrusche; il Museo d’arte Egizia.

Per gli amanti della pittura posso consigliare l’Alte Pinakothek e la Neue Pinakothek, per scoprire l’arte dal Medioevo al ventesimo secolo.

Se l’arte moderna dal 1900 in poi e l’arte contemporanea sono le vostre preferite, non perdetevi invece la Pinakothek der Moderne, la Lenbachhaus, Villa Stuck e Bradhorst: spazierete tra Van Gogh, Kandisky, Andy Warhol, Dalì, Picasso e molti altri.

Se più che l’arte vi affascina la storia vi consiglio assolutamente lo Stadtmuseum che ripercorre la storia della città con esposizioni innovative e curiose.

Non dimenticatevi il museo della BMW, un edificio ipermoderno che celebra la BMW sia con esposizioni storiche che con lo show room aziendale. Prenotando un tour all’interno dello stabilimento BMW potrete ammirare l’Olympiapark, il villaggio olimpico creato per le olimpiadi di Monaco del 1972 dove si possono fare molte attività.

Hofbrauhaus ~ Birra, bretzel e cultura a Monaco di Baviera.
In birreria ~ Birra, bretzel e cultura a Monaco di Baviera.

Non lasciate assolutamente Monaco di Baviera senza aver fatto un tour delle birrerie: la più famosa in assoluto, oltre che storica, è la Hofbrauhaus, dove fiumi e fiumi di birra e caldi bretzel vi saranno serviti su tavoli di legno grandi, stile Oktoberfest.

Per la vita notturna Monaco si divide in due: la zona di Schwabing era un tempo zona gremita di scrittori e artisti. Oggi è un celebre quartiere universitario dove si concentrano localini, discoteche e pub economici. In particolare, Leopoldstraße, Feilitzschstraße e Hohenzollernstraße sono le più famose.

La movida più d’elite si concentra a Glockenbachviertel, soprattutto in Gartnerplatz.

Anche ad Altstadt si concentra un alto numero di birrerie. Una chicca: provate il Kultfabrik, una zona iperestesa con oltre 50 locali adibiti a pub, bar, discoteche, cinema, musica dal vivo, studi di registrazione, teatri. Divertitevi ad esplorare la zona, è grande (solo) sessantamila metri quadri!

E nei dintorni?

La Baviera è incantevole, tra i villaggi Alpini, la pianura con le biergarten, fiabeschi Castelli e la valle del Danubio. Quotidianamente dalla città partono autobus organizzati alla scoperta del land nei dintorni di Monaco.

Io vi consiglio: Norimberga e il Nido dell’Aquila, alla scoperta dei luoghi del nazismo che si son risollevati con brio e senza tentennii; i castelli fiabeschi di Neuschwastein, Linderhof, Herrenchiemsee

Castello di Neuschwastein ~ Birra, bretzel e cultura a Monaco di Baviera.

Spero che questo post possa esserti stato utile.

Buon viaggio!

Annalisa

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline