Reduce da una meravigliosa visita al mondo sotterraneo di Castellana Grotte, nella mia amata Puglia, non vedevo l’ora di visitare le Grotte di Postumia, in Slovenia, classificate tra le più famose al mondo.

E allora ne ho approfittato durante il nostro on the road in Slovenia.

Le Grotte di Postumia si snodano per un totale di ventuno chilometri di percorso sotterraneo, dove poter ammirare lo strepitoso lavoro che madre natura ha scolpito nella roccia nel corso dei secoli.

In particolare in Slovenia si trova una regione, il “Carso”, alle porte dell’Italia, con un sottosuolo ricco di grotte e di fenomeni carsici, qui diffusissimi e studiati. Postumia difatti si trova a circa un’oretta da Trieste, ragion per la quale è visitata da molti turisti italiani.

In questo post voglio parlarvi della visita alle Grotte di Postumia. Molto spesso le Grotte di Postumia sono visitate assieme al Castello di Predjama, a dieci chilometri da lì.

Prima della lettura, vi ricordo che è possibile acquistare anche un tour di una giornata delle Grotte di Postumia e del Castello di Predjama con prelievo da Lubiana comprensivo di biglietti di entrata, guida e autobus.

Noi siamo rimasti incantati alla vista del mondo sotterraneo che custodisce Postumia. L’emozione di guardare il capolavoro sublime che ha creato madre natura è indescrivibile e sarà indimenticabile.

Grotte di Postumia, Slovenia

Grotte di Postumia: un po’ di storia.

Le grotte di Postumia erano conosciute già dalla preistoria, quando fungevano da luogo di riparo dei primi uomini locali. Dal XIII secolo le grotte diventarono luogo di visita, appurato grazie alle firme incise sulle pareti interne, la più antica delle quali risale al 1213.

Le prime descrizioni delle grotte vennero pubblicate nel 1689 da Valvasor che descrisse le Grotte di Postumia non solo come le più grandi al mondo, ma anche come le più mostruose. La prima vera e propria mappa delle grotte risale ai tempi dell’impero austriaco nel 1748.

La caverne più interessanti furono scoperte da Luka Čeč nel 1818 e da allora le grotte vennero aperte anche ai turisti. Nel 1872 venne costruita una rete ferroviaria a scartamento ridotto all’interno delle grotte e nel 1884 venne introdotta la corrente elettrica per l’illuminazione. Le grotte di Postumia sono le uniche al mondo dotate di un trenino.

Dopo il 1918, con l’annessione della zona all’Italia, venne dato un ulteriore impulso allo sviluppo turistico della grotta grazie all’opera di Luigi Vittorio Bertarelli, fondatore del Touring Club Italiano, a cui è dedicato il tunnel artificiale di 500 metri che raggiunge la Grotta Nera. È di quell’epoca anche la costruzione dell’ingresso monumentale alle grotte.

Nel 1947, la zona di Postumia (con le grotte) fu, assieme alle Alpi Giulie, ceduta alla Jugoslavia, e dal 1991 appartiene alla Slovenia.

(Fonte: Wikipedia)

[Leggi anche: Slovenia in tre giorni, itinerario]

Grotte di Postumia, Slovenia

Grotte di Postumia: la morfologia e la fauna.

Le grotte sono ricche di stalagmiti e stalattiti che si formano attraverso processi impercettibili a occhio, la cui formazione richiede migliaia di anni.

Lo sviluppo di queste stalagmiti e stalattiti è dovuto all’afflusso d’acqua del fiume Pivka contenente carbonato di calcio che s’infiltra e si deposita formando le concrezioni. Le stalagmiti sono le concrezioni minerarie che s’innalzano dal suolo della grotta. Le stalattiti invece si formano dal soffitto della grotta, man mano che l’acqua gocciola.

All’interno delle grotte han trovato l’ambiente ideale per riprodursi più di cento specie animali. La maggior parte di queste sono insetti, ma l’animaletto più curioso in assoluto è il Proteus, un invertebrato cieco e albino che può vivere per cent’anni. In molti l’hanno paragonato ad un draghetto!

Grotte di Postumia, Slovenia

Grotte di Postumia: informazioni utili per la visita.

La temperatura media delle grotte è di 8 °C. Il tasso di umidità è parecchio elevato e solitamente si consiglia, a coloro che vogliono addentrarsi al loro interno, di vestire molto pesante.

In tutte le grotte è necessaria la compagnia di una guida e alcune aree, particolarmente ostili all’uomo, sono vietate alle visite di massa e possono essere visitate solo da gruppi di turisti più ridotti, da 3 a 15 persone, dotati di casco, torcia, tuta e scarpe adatte.

Il primo tratto della visita si effettua a bordo di un trenino che percorre dapprima una galleria artificiale e poi una galleria naturale quasi “bruciata” da un incendio avvenuto nella Seconda Guerra Mondiale. Le prime grotte naturali che si avvistano, la Sala Gotica e la Sala dei Congressi, sono mozzafiato.

Dopodiché inizia il tratto percorribile a piedi, circa di un chilometro e mezzo. Si sale lungo il Grande Monte, si attraversa il Ponte Russo e ci si inerpica sul sentiero che oltrepassa grotte e pozze d’acqua con forme e colori strepitosi.

Vi segnalo, tra queste, la Grotta del Paradiso e la stalagmite chiamata “il brillante”, di un bianco candido, alta 5 metri e a 100 metri di profondità. Il tratto pedonale termina con l’auditorium, dove spesso si organizzano concerti ed eventi. Lì, vi è il trenino che porta i visitatori all’uscita.

[Leggi anche: Bled, cosa vedere assolutamente]

Grotte di Postumia, Slovenia
Grotte di Postumia, Slovenia

Grotte di Postumia: i prezzi.

I prezzi sono parecchio elevati perché includono l’assicurazione contro gli infortuni.

Per il 2019, i prezzi sono i seguenti:

Adulti: 25,80 euro (bassa stagione), 27,90 euro (alta stagione);

Bambini 6-15 anni: 15,50 euro (bassa stagione), 16,70 (alta stagione);

Bambini fino a 5 anni: 1 euro

Studenti: 20,60 (bassa stagione), 22,30 euro (alta stagione).

Vi ricordo che se siete interessati anche a scoprire il Castello di Predjama è possibile acquistare anche un tour di una giornata delle Grotte di Postumia e del Castello di Predjama con prelievo da Lubiana comprensivo di biglietti di entrata, guida e autobus. Oppure potete acquistare un unico biglietto per risparmiare, al prezzo di 31,90 euro.

[Leggi anche: Visitare Lubiana, la guida completa]

Dove dormire vicino alle Grotte di Postumia?

Vi consiglio vivamente l’Hostel Eagle’s Nest.

Un ostello di nuova generazione, essenziale e pulitissimo, che dispone sia di dormitori comuni che di camere doppie.

L’ostello si trova proprio nel centro di Postumia, vicino a bar e supermercati. Laura, la proprietaria, parla benissimo l’italiano ed è una signora molto gentile ed umile che vi farà davvero sentire come a casa.

La living room è molto intima e accogliente, con libri, giochi di società, una pianola, valigie vintage, mappamondi e mappe sparsi ovunque. Ho adorato far colazione guardando dalla grande vetrata le montagne immediatamente dietro la città.

Ho adorato anche scambiar quattro chiacchiere con laura dinanzi ad un buon bicchiere di vino, parlando di viaggi passati e futuri, di yoga, del vivere: più che un ostello, è stata un’esperienza che ci ha lasciato una piccola gioia nel cuore.

Hostel Eagle’s Nest – Castello di Predjama, Postumia
Hostel Eagle’s Nest – Castello di Predjama, Postumia
Hostel Eagle’s Nest – Castello di Predjama, Postumia
Hostel Eagle’s Nest – Castello di Predjama, Postumia

Buon viaggio a Postumia!

Annalisa

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline