“The American Dream”.

Ci siamo, state per partire per gli USA, magari passando per New York, e non vedete l’ora di metter piede su quell’aereo che vi porterà dritti in terra Statunitense.

Finalmente!

Ma varcare le frontiere americane implica una serie di obblighi burocratici che proprio non dovete sottovalutare. Oltre al fedelissimo compagno passaporto, dovrete dotarvi di un’autorizzazione chiamata ESTA, che letteralmente significa Electonic System for Travel Authorization.

Esta: in cosa consiste?

Gli USA hanno facilitato l’ingresso ai viaggiatori provenienti da alcuni Paesi che aderiscono al Visa Waiver Program, un programma secondo cui il visto turistico non viene richiesto al viaggiatore, previa presentazione dell’autorizzazione speciale, chiamata ESTA. I Paesi che ne fanno parte, oltre all’ITALIA, sono:

Andorra, Australia, Austria, Belgio, Brunei, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Giappone, Liechtenstein, Lussemburgo, Monaco, Nuova Zelanda, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, UK, Singapore, Slovenia, Spagna, Svizzera.

ESTA: come, dove, quando, quanto?

Esta: quali sono i requisiti per richiederlo?

Oltre ad essere residenti in uno di questi Paesi, bisogna essere possessori di un passaporto elettronico (o a lettura ottica), e bisogna che viaggiate per turismo o affari per un periodo non superiore a 90 giorni. L’ESTA va richiesto anche in caso di scalo in terra statunitense tra due o più voli aerei. Come per gli adulti, anche per i minorenni e per i bambini va richiesto l’ESTA.

Esta: quanto vale?

L’ESTA vale due anni dall’emissione, ed in questo range di tempo ci si può recare anche più volte negli USA (o fare scalo).

Esta: quali sono le tempistiche?

Di solito, la tempistica per ottenerlo prevede circa tre giorni, ma è preferibile richiederlo qualche mese prima per non incappare in qualche imprevisto che, purtroppo, può capitare. Durante la compilazione, dovrete attestare il vostro stato di salute, dichiarando eventuali patologie o malattie infettive che potrebbero arrecare danni ai viaggiatori. Vi verranno richiesti anche i precedenti penali ed i dati della prenotazione dei voli aerei. La compilazione della richiesta dura circa trenta minuti e, una volta compilata, bisognerà pagare un importo all’istante, con carta di credito o tramite bonifico. L’esito della richiesta viene comunicato entro tre giorni. Se l’autorizzazione viene negata, dovrete richiedere il visto presso l’ambasciata o il consolato americano in Italia. Se l’autorizzazione viene approvata, non festeggiate fino a che non varcate ufficialmente e fisicamente la frontiera Statunitense: difatti l’ESTA vi autorizza solo a prendere il volo aereo diretto in USA, ma in dogana i controlli sono molto rigidi e severi.

ESTA: come, dove, quando, quanto?

Esta: come richiederlo?

È semplicissimo e veloce. L’ESTA va richiesto almeno 72 ore prima della partenza tramite il sito governativo USA (versione italiana tradotta), compilando l’apposita domandina online, chiamata anche “application form”. All’interno, dovrete inserire alcuni vostri dati, di cui vi accennavo sopra: dati personali, dati del vostro passaporto, recapiti telefonici, dettagli del viaggio (città di partenza, città di arrivo, numero di volo, compagnia aerea, indirizzo del vostro hotel o appartamento in cui soggiornerete), condanne penali, stato di salute, stato giuridico. Il prezzo è di 14 dollari pagabili comodamente con carta di credito. Se nell’application form vi assalgono dei dubbi, niente panico: cliccate sul punto interrogativo vicino al form da compilare e vi sarà spiegato tutto.

Semplice, veloce ed economico!

Spero questo post ti sia stato utile. Se hai dubbi o domande, non esitare a contattarmi. In caso contrario: BUON VIAGGIO A STELLE E STRISCE!

ESTA: come, dove, quando, quanto?

 

Annalisa.

1 Comment

  1. Appena fatto, però non per la prima volta, bensì la seconda, e 5 volta che torno in USA e non vedo l’ora poichè è la prima volta che torno con il blog …!

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline