Ad una cinquantina di chilometri da Matera,

abbarbicato su una collina che si erge maestosa sulla valle dei calanchi, c’è Craco, il famoso paese fantasma della Basilicata.

La strada per arrivarci è impervia e tortuosa da percorrere in auto, perché piena di curve ed in salita, ma il panorama sulla valle è così bello che la fatica viene facilmente ripagata.

Craco ha una storia quasi tragica, segnata da eventi naturali inevitabili che ne han fatto di lei un paese fantasma, abbandonato da tutti, dimenticato per anni.

E dopo tempo, ne rimane sana la memoria: oggi Craco è famosa per esser diventata per antonomasia la città fantasma della Basilicata, teatro di set cinematografici e di migliaia di turisti che incuriositi dal suo travagliato destino la scelgono come meta per passarci una mezza giornata durante il loro viaggio.

Visitare Craco, la città fantasma della Basilicata

[Forse può interessarti anche: Metaponto, la Basilicata culla della Magna Grecia]

Visitare Craco, la città fantasma della Basilicata
Visitare Craco, la città fantasma della Basilicata

Craco, città fantasma della Basilicata: un po’ di storia.

Graculum : era questo il suo nome antico, vale a dire “piccolo campo arato”.

Non vi sono testimonianze storiche su Craco, a parte solo alcune tombe dell’ottavo secolo a.C., probabilmente appartenenti ai coloni greci che fuggivano da Metaponto perché infestata dalla malaria.

Nel tempo Craco si è sviluppata, si è evoluta fino ai giorni nostri fino a diventare un vero e proprio paese. Un paese tranquillo, finchè la sorte non si è avvalso di lui, nel 1963.

Craco è stata costruita in un territorio “fragile”, costituito dai calanchi, ossia rocce argillose dove l’acqua ha scavato grandi fessure provocando erosioni nel tempo.

Nel 1963 una frana massiva costringe gli abitanti di Craco ad evacuare il paese.

Seppur qualche affezionato residente decide di restare, pochi anni dopo, nel 1972, una grossa alluvione peggiora la situazione. Nel 1980 avviene il colpo di grazia, un terremoto che denoterà l’abbandono perenne del paese. Tutti gli abitanti di Craco Vecchia si trasferirono a valle, a Craco Peschiera, il paesino che tutt’oggi esiste, a qualche chilometro da li, che oggi conta circa 760 abitanti.

Nel 2010 Craco entra nella lista dei monumenti da salvaguardare redatta dalla World Monuments Fund.

Nel 2011 il comune di Craco ha istituito un piano di recupero del borgo vecchio, con un percorso in sicurezza che permette di addentrarsi nel paese con una guida.

Visitare Craco, la città fantasma della Basilicata

[Forse può interessarti anche: Dormire sotto le stelle a Tursi, nella Valle dei Calanchi in Basilicata]

Visitare Craco, la città fantasma della Basilicata

Come e cosa visitare a Craco, il paese fantasma della Basilicata.

Craco è visitabile soltanto attraverso il percorso guidato messo a disposizione dal comune.

Non è possibile visitarla autonomamente.

Per poterla visitare è necessario munirsi della Craco Card, un ticket che si acquista presso l’infopoint di Craco Vecchia direttamente su posto al costo di 10 euro per un’ora di visita. L’ufficio è aperto dalle 9.30 alle 19.

Una volta acquistato il ticket, la guida vi accompagnerà per le antiche strade di Craco Vecchia, alla scoperta delle piazze, dei palazzi nobiliari, delle chiese e della vita che scorreva lenta in questa città prima del 1963.

Importanti le contrade Canzoniere, San Lorenzo e Sant’Eligio. Ancor più importanti i quattro palazzi nobiliari: Palazzo Maronna, con un ingresso monumentale in mattoni ed un grande balcone terrazzato; Palazzo Grossi, con un alto portale architravato ed i piani superiori decorati con motivi floreali racchiusi in medaglioni; Palazzo Carbone, quattrocentesco, e Palazzo Simonetti.

Con la guida ci si inoltra anche verso il torrione, che gli abitanti di Craco chiamavano il Castello, e verso alcune chiese quali la chiesa di San Nicola e la chiesa di San Pietro.

Quello che ho adorato? Immaginare la vita tra i vicoli fantasma di queste strade, che si inerpicano verso terrazze affacciate sulla meravigliosa, e sconfinata valle dei calanchi.

Visitare Craco, la città fantasma della Basilicata

[Forse può interessarti anche: Le dieci migliori destinazioni balneari della Basilicata]

Visitare Craco, la città fantasma della Basilicata

Craco ed il cinema: quali set cinematografici?

Craco è divenuta famosa anche per i vari registi che qui hanno voluto ambientare le vicende dei loro film. Tra questi possiamo ricordare:

  • Cristo si è fermato ad Eboli di Francesco Rosi;

  • King David di Bruce Beresford;

  • Basilicata Coast to Coast di Rocco Papaleo;

  • La Lupa di Alberto Lattuada;

  • La Passione di Cristo di Mel Gibson;

  • Agente 007 di Marc Forster;

  • Nativity di Catherine Hardwicke;

Buon viaggio a Craco ed in Basilicata!

Annalisa

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline