Saluti da Cadice!

Quello stridere dei gabbiani sull’Oceano, quegli alisei a scompigliarmi i capelli, quelle braccia che mi tenevano stretta su un profumo ai fiori d’arancio mi rimembravano le giornate ad Essaouira.

Un’empanadas alla panaderia spartana della piazza principale, la Estrella Galicia bevuta nelle taverne locali e la freccia gialla dipinta sui muri ci rievocavano le lente giornate ottobrine sul Cammino di Santiago.

Le vie acciottolate, le case colorate, le palme, le inferriate mi riportavano in terra Cubana, poi giocavo ad entrare in quasi tutti i portoni e ritrovavo costantemente l’arabo e la maiolica a fare l’amore indissolubilmente.

Dopo le nostre giornate a Siviglia abbiamo deciso di prenderci una giornata per visitare Cadice, questo piccolo gioiello Andaluso bianco e dorato affacciato sull’Oceano Atlantico.

E così, un’ora e mezza di auto ed eccoci arrivati: piacere di conoscerti Cadice, a quanto pare la più antica città d’Europa fondata dai Fenici nel 1100 a.C.

In questo post voglio parlarvi di cosa vedere a Cadice (o, in andaluso, Cadiz), che abbiate un giorno o poco più.

Cosa vedere a Cadice, guida completa
Cosa vedere a Cadice, guida completa

1. La Cattedrale Nuova di Cadice.

La cupola dorata della Catedral Nueva si fa ammirare da qualsiasi punto di Cadice, soprattutto da Avenida Campo del Sur, da cui si può fotografare al meglio. Un miscuglio di stile barocco e neoclassico abbaglierà lo sguardo di chi si accinge a visitare questo imponente edificio, iniziato a costruire nel 1722 e completato circa un secolo dopo. La Catedral Nueva custodisce anche due campanili, chiamati Torre del Reloj e Torre de Poniente, sui quali si può salire tramite delle rampe per ammirare il panorama su tutta Cadice.

Il biglietto d’entrata costa sei euro ed è possibile consultare gli orari di apertura della Cattedrale di Cadice sul sito ufficiale. Il biglietto d’entrata comprende anche la visita alla Torre de Poniente, alla Torre del Reloj, al Museo Cattedralizio, alla sagrestia, alla cripta e al coro.

Perchè Nueva? Perchè la Catedral Vieja è la Chiesa di Santa Maria che si trova nei paraggi ed è visitabile gratuitamente.

Cosa vedere a Cadice, guida completa
Cosa vedere a Cadice, guida completa

2. Il Barrio del Populo ed il Barrio de la Vina.

Sono sue quartieri assolutamente da non perdere.

Il Barrio del Populo è un vero e proprio labirinto di vicoli, viuzze e stradine acciottolate strette, in salita ed in discesa, ingarbugliate e curiosissime che poi sboccano sul Lungomare del Sur. Noi ci siamo letteralmente divertiti ad entrare e fotografare in tutti i portoni che trovavamo aperti per cercare similitudini arabeggianti, maioliche ed azulejos colorati.

Dietro la Cattedrale Vieja, chiedendo un po’ in giro, potrete scovare un vero e proprio anfiteatro romano, quasi nascosto dalle abitazioni. L’ingresso è gratuito.

Il Barrio de la Vina invece è l’antico quartiere dei pescatori di Cadice. Palme ovunque, locali graziosi e ristorantini, negozietti, taverne tipiche lasciate ancora agli anni passati e frequentate dalla gente del posto fanno da anticamera alla Playa de la Caleta, una delle spiagge più famose di Cadice.

3. Le piazze: S. Juan de Dios, de la Mina e d’Espana.

Plaza de San Juan de Dios  si trova immediatamente fuori il Barrio del Populo. E’una piazza molto bella su cui si affacciano il Comune, la casa di San Juan de Dios e la Casa de los Pazos Miranda.

Plaza de Mina  è una piazza molto dinamica di Cadice, dove si trova un museo molto importante: il museo di Cadice. Ha ingresso gratuito e offre a chi lo visita una importantissima collezione archeologica che testimonia la civiltà fenicia oltre che l’impronta romana.

Plaza d’Espana  si trova alle porte del porto, è molto bella perché pullula di giardini, di palazzi lussureggianti, di piante esotiche. Al centro della piazza vi è il Monumento della Costituzione risalente al 1812. Nei pressi di questa piazza si trova l’Oratorio di San Felipe Neri.

Cosa vedere a Cadice, guida completa
Cosa vedere a Cadice, guida completa

4. Playa de la Caleta ed i castelli di S. Catalina e S. Sebastian.

Playa de la Caleta è una delle spiagge più frequentate di Cadice. La particolarità è quella di trovarsi proprio a ridosso del centro storico. Qui sono stati trovati anche alcuni “pezzi” risalenti alla preistoria. Quello che ho amato di più di questa spiaggia è l’ammirare il tramonto sui castelli, guardando le barchette dei pescatori ondeggiare dolcemente sull’Oceano.

I castelli a ridosso della Playa de la Caleta sono il Castillo di San Sebastian, costruito su un tempio dedicato al Dio Crono, ed il Castillo di Santa Catalina, di epoca tardo cinquecentesca.

5. Parque Genoves ed i giardini di Alameda Apodaca.

Superando il Castello di Santa Catalina, in direzione bastione della Candelaria, troverete il Parque Genoves, con aiuole, piante, fontane, un laghetto artificiale, una cascata con un ponticello ed un bar. Passeggiarci è molto rilassante.

Un altro posticino molto tranquillo dove passeggiare è il giardino di Alameda Apodaca, con i suoi viali alberati in prossimità del mare.

Cosa vedere a Cadice, guida completa

Buon viaggio a Cadice!

Annalisa

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline