E’ un racconto di luoghi e di memorie, di pietre, di case bianche in calce, di palazzi gentilizi, di vicoli e di chiese, che emergono dal silenzio dei secoli e diventano di nuovo vivi per accompagnare il visitatore alla scoperta della nostra terra. Ci appare così, come in un flash d’autore, Bovino, uno dei “borghi più belli d’Italia” e bandiera arancione del Touring Club Italiano, un marchio di qualità in materia di turismo e ambiente. Arroccata a 647 metri di altitudine, domina il Tavoliere delle Puglie con le sue compatte e suggestive architetture che sanno di storia e di fede antica.

Uno dei monumenti più importanti di Bovino è il Castello Ducale, custode e testimone delle millenarie vicende della cittadina oltre a costituire uno dei complessi storici più interessanti per la sua mole, per la sua posizione dominante e per la torre normanna. Fu costruito nel 1045 da Drogone il Normanno, e ampliato poco dopo il 1200 da Federico II di Svevia che fece costruire il Cassero, residenza del suo esercito, di cui ne è testimone la bifora gotica ancora oggi visibile. Nel 1600 fu costruita anche la Torre dell’Orologio, ed il Castello divenne il punto di ritrovo di illustri personaggi dell’epoca che venivano ospitati: da Torquato Tasso a Giovanni Battista Marino.

Castello Ducale.

La Cattedrale di Santa Maria Assunta, in stile tipicamente romanico pugliese, fu distrutta in seguito ad un terremoto, e ricostruita, conservando la sua facciata risalente al 1231.

Vicoli.

Una passeggiata tra i vicoli che profumano di storie antiche e remote, e subito Bovino conquista. Lasciatevi sedurre dal suo centro storico, dignitoso ed elegante, con gli antichi rioni, gli scorci che digradano nella campagna circostante, i poggi, gli archi, le piazze, gli splendidi portali, i numerosi stemmi, il dedalo inestricabile di stradine, pavimentate con acciottolato. È lì, nella quiete delle antiche atmosfere, pronto a documentare lo scorrere della vita di ogni giorno, a raccontare il tempo passato che diventa memoria del presente e rimanda ad una storia plurimillenaria di antichi splendori, invasioni e dominazioni. L’antichissima Chiesa di San Pietro, il Rosario, San Francesco, l’Annunziata, il Carmine, Santa Maria delle Grazie, lo arricchiscono e impreziosiscono. E’ lì, per accompagnarvi alla scoperta delle sue remote origini, con la visita al Museo Civico, che introduce alle radici del borgo attraverso testimonianze di diverse epoche e civiltà, al Museo Diocesano, alla Biblioteca Vescovile, agli Archivi storici, che raccolgono oggetti, paramenti sacri, pergamene, incunaboli, codici manoscritti, segni visibili e inequivocabili di un nobile e illustre retaggio.

Skyline.

E’ lì per coinvolgere e immergere il visitatore nei luoghi e negli eventi, nel fascino dei falò di San Giuseppe, nel gioioso frastuono delle fanfare per la festa di San Celestino (la seconda domenica di ottobre), nelle sagre, nelle mostre e negli spettacoli dell’estate bovinese, che trovano la massima e sublime espressione nella Festa Patronale del 29 Agosto, con la tradizionale “cavalcata storica”, in onore di Maria SS. di Valleverde. E se proprio non bastasse, appena usciti dal borgo antico, una visita alla Chiesa di Sant’Antonio, incastonata nella ridente Villa comunale, tra i più belli ed apprezzati parchi cittadini della Provincia, luogo di ristoro e di riposanti passeggiate, tra fontane, alberi secolari e sinuosi vialetti. Un’occasione unica e stimolante per chi sa cogliere, accanto ai segni del tempo, la salubrità dell’aria, il respiro della storia, la serena bellezza dei luoghi. Ed è solo l’inizio della scoperta.

E se volete addolcirvi la visita, fatevi coccolare dalla saggia conoscenza del patrimonio storico culturale del luogo e dalla simpatia di Michele Grande, guida turistica residente a Bovino e spassionato amante del borgo.

{Michele risponde al numero 3332251692}.

Annalisa

[ Un ringraziamento speciale va a Michele Grande per i contenuti conoscitivi di questa splendida città di Puglia e per le sue meravigliose fotografie. ]

18 Comments

  1. Sono pugliese e non abito molto lontano da Bovino, ma non ci sono mai stata… Da come ne parli e dalle foto sembra un borgo molto carino da vedere! 😊

  2. Pur essendo pugliese non conoscevo questi luoghi. Grazie per averli mostrati
    Maryd

  3. Ma che bellezza! Me ne ricorderò la prossima volta che andrò in Puglia

  4. Ma che meraviglia che sono questi borghi…… Mi piacerebbe molto visitare questo paese la prossima primavera con il mio Ego

  5. Fino a pochi chilometri dalla Puglia ma non conoscevo questo posto

  6. Che posticino magico! Un volto nuovo della Puglia per me che sono abituata a pensare a questa regione solo per il mare!

  7. Oh mamma! Che meraviglia! Il castello fotografato di sera e così illuminato mi ha fatto innamorare!

  8. Sembra davvero magico. Non lo conoscevo prima, ma ora sono curiosissima di scoprirlo! Mi immagino già le foto ahah

  9. Alessandra Reply

    Un borgo davvero pittoresco, e quel castello è spettacolare; non sapevo avesse una storia così ricca questo paese

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *