Multietnica, multiculturale, bifasica.

Grigia e cupa apparentemente, ma nell’animo calda e accogliente come l’abbraccio ad una nuova idea che si genera, cresce e poi perché no, si ri-genera.

Effervescente. Dinamica. Mai statica e piatta, ma innovativa e stimolante, pullulante di street art, di eventi, di concerti, di festival e di sapori forti.

Anticonvenzionale. Giovane.

Berlino è così.

Una donna che mostra abiti cuciti di tenacia e bellezza, che lasciano scoperte con fierezza le grandi ferite ormai cicatrizzate che la storia con crudeltà le ha inflitto.

Io a Berlino ci son stata due volte.

L’ho amata, nel suo concept di città libera. Libera e artistica, libera e ideale per le free minds. L’ho sempre vista come una città aperta a nuovi orizzonti, a nuove idee, a nuovi progetti. Una città dove un sogno, si, si può realizzare davvero e senza troppi tentennamenti. Smart.

Una città senza troppe cerimonie ma che ti lascia qualcosa.

Un bel qualcosa. Tanto da ritornarci. Il bello sta, nel saperlo cogliere.

Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Vi lascio un elenco di cose da vedere assolutamente a Berlino se avete poco tempo, e qualche consiglio su come muovervi in città. Ma attenzione, la capitale tedesca offre una miriade di attrazioni e di eventi, ci vorrebbero almeno sei giorni per girarla (quasi tutta) come si deve e nei tempi giusti… ecco perché, ritornarci è un must, soprattutto se nel periodo di Natale, quando si addobba a festa con i suoi splendidi mercatini.

Cosa vedere a Berlino: Alexander Platz e la Berliner Fernsehturm.

Alexander Platz, o meglio affettuosamente conosciuta dai Berliners come Alex, è un ottimo punto centrale di snodo per la visita della città. È la piazza centrale di tutta Berlino, con il suo bizzarro orologio astronomico “Urania tempo del Mondo” a far da padrone e a costituire piacevole punto d’incontro.

Nei pressi di Alexander Platz troverete la torre televisiva, Fernsehturm, sulla quale si può salire con ascensori velocissimi sia di giorno che di sera per ammirare tutta Berlino dall’alto dei suoi 368 metri. All’interno vi è anche un ristorante e caffè panoramico. La vedrete svettare da ogni punto della città, a volte immergersi nelle nubi, a volte limpida e chiara nel cielo.

[Info pratiche: la Berliner Fernsehturm è aperta tutti i giorni; Marzo – Ottobre h. 8/24; Novembre – Febbraio h. 10/24. E’ sempre piena di turisti e molto spesso c’è coda. Se avete poco tempo potreste acquistare anche il biglietto online con accesso prioritario alla Fernsehturm].

Torre televisiva e orologio Urania in Alexander Platz ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
Veduta dalla Fernsehturm ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Cosa vedere a Berlino: Porta di Brandeburgo e l’Unter den Linden.

La Porta di Brandeburgo trasuda storia e unità. È difatti diventata il simbolo in assoluto di tutta Berlino. Ai tempi della Guerra Fredda, la Porta di Brandeburgo significava divisione: la divisione delle due Germanie.

Dopo la caduta del Muro di Berlino, è divenuto un inno spassionato all’unità. Alla fine dell’Ottocento Langhans la progettò in dodici colonne sormontate dalla celebre opera di Schadow, la Quadriga.

La piazza antistante, la Pariser Platz a cui ci si arriva tramite una lunga e piacevole passeggiata sull’Unter den Linden (il Viale dei Tigli) ospita sempre eventi, festival e concerti.

Porta di Brandeburgo ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
Porta di Brandeburgo ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Cosa vedere a Berlino: East Side Gallery ed il quartiere Kreuzberg.

Tappa immancabile per un viaggiatore. La East Side Gallery si trova in Muhlenstraße, parallela al decorso del fiume Sprea, e si estende per poco più di un chilometro di lunghezza.

In questi resti di Muro, che rappresentano una dolorosa fetta di storia della città, artisti e writers da tutto il Mondo hanno dipinto più di un centinaio di murales con inni alla pace, manifesti di protesta, graffiti e disegni per celebrare l’unità e la libertà. Ad oggi é la galleria a cielo aperto più lunga al Mondo.

Tra i graffiti più celebri? Una simpatica Trabant che sfonda il muro di Berlino stesso, targata 09.11.1989, ed il bacio tra Honecker (allora presidente del consiglio di Stato tedesco) e Breznev (allora presidente del Partito Comunista dell’Unione Sovietica). I dipinti sono coloratissimi, particolari e alcuni molto toccanti.

[Info pratiche: ci si arriva tramite metropolitana, scendendo alle stazioni Ostbanhof o Warschauer Straße].

East Side Gallery ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
East Side Gallery ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
East Side Gallery ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Dopo una variopinta full immersion nei graffiti internazionali potete passeggiare dirigendovi verso Oranienstraße alla scoperta del quartiere di Kreuzberg: il mio preferito in assoluto.

Ho respirato quotidianità, sono rimasta esterrefatta dalla moltitudine di graffiti e di dipinti sulle mura e sugli edifici, per le strade, tra cui alcune opere di Blu e di Banksy.

Quanta libertà in questa città. Un sacco di gallerie d’arte, esposizioni temporanee, centri sociali, un sacco di nuovi stimoli. Kreuzberg mi è rimasta nel cuore. In assoluto. E più di ogni altra zona di Berlino.

Kreuzberg ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Cosa vedere a Berlino: Memoriale all’Olocausto.

Più di 2700 blocchi di cemento grigi, cupi, plumbei, nel bel mezzo del centro della città, a ricordare la cruda e nuda realtà della storia degli Ebrei Europei vittime dell’Olocausto.

I blocchi sono di altezze diverse, e ancora oggi vi si trovano mazzi di fiori, preghiere, fotografie. Camminarci all’interno è quasi claustrofobico, e la sensazione che ho provato è stata la stessa che mi ha pervasa quando camminavo lungo il Danubio a Budapest, al Memoriale della Shoah, guardando le scarpe arrugginite e immaginandomi le forti scene di quella amara verità.

[Info pratiche: il Memoriale è aperto dalle 10 alle 20 e si trova nelle vicinanze della Porta di Brandeburgo.]

Memoriale dell’Olocausto ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
Memoriale dell’Olocausto ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
Memoriale dell’Olocausto ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Cosa vedere a Berlino: Tiergarten, Zoo di Berlino, Reichstag.

Il Tiergarten è rinomato per esser il grande polmone verde della città di Berlino, un enorme parco dove potersi rilassare all’aria aperta, fare jogging, leggere un libro immersi nella natura. In verità, il Tiergarten è il nome di un vero e proprio quartiere di Berlino che ne comprende l’omonimo parco per oltre 200 ettari!

Sicuramente nel parco andrebbe fatta una sosta per un picnic o una pennichella durante la visita della città; nel parco vi sono corsi d’acqua, ruscelli, boschi e prati immensi, ad assicurare la vostra quiete durante il vostro break.

Nel quartiere di Tiergarten ho avuto modo di visitare anche lo Zoo di Berlino, uno dei più grandi parchi zoologici al Mondo; ed il Reichstag, sede del Parlamento Tedesco dal ’99. All’interno del Reichstag vi è una sontuosa cupola in vetro, opera di Norman Foster, visitabile e raggiungibile con un ascensore, da cui si può ammirare il panorama su tutta Berlino. Consigliata!

[Info pratiche: il parco di Tiergarten è aperto dal Lunedì al Venerdì dalle 9 alle 18. Lo Zoo di Berlino si raggiunge con la fermata metro Zoolischer Garten, è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18 ed il biglietto costa 14,50€, mentre 20€ se si vuol visitare anche l’acquario.

La cupola del Reichstag è aperta tutti i giorni dalle 8 alle 24 ed il prezzo del biglietto varia in base alla visita che volete fare. Online c’è la possibilità di abbinare la visita del Reichstag + Porta di Brandeburgo con guida in italiano].

Cupola del Reichstag ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
Zoo di Berlino ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Cosa vedere a Berlino: Checkpoint Charlie.

Ad oggi, vi sembrerà solo di trovarvi di fronte ad un gabbiotto bianco con le bandiere americane, un cartello con la scritta “state oltrepassando il confine americano” ed una guardia.

Ma il Checkpoint Charlie costituisce quello che all’epoca era il valico degli alleati e delle sole persone che dagli anni ’60 ai ’90 avevano il diritto di poter passare da una parte all’altra di Berlino.

Oggi, è diventato teatro di scene cinematografiche ambientate in quegli anni storici. Nelle vicinanze si trova il Mauermuseum, un museo che raccoglie reperti del muro ed illustra benissimo quel periodo storico. Ci si arriva con la metro U6, fermata Kochstraße.

Al Checkpoint Charlie ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Cosa vedere a Berlino: Museuminsel ed il Duomo.

Nella zona Mitte (centro) ci sono una miriade di Musei che potete visitare, soprattutto nella zona Museuminsel, la rinomata isola dei Musei che raccoglie cinque importanti istituzioni. Per motivi di tempo ridotto io ho dovuto sceglierne solo uno, il più celebre, il Pergamon Museum, che raccoglie in un’unica struttura opere mastodontiche, provenienti dalla Grecia antica, da Babilonia, dall’impero Romano e dal Medio Oriente. Una meraviglia. Per una completa guida alla scelta dei Musei da visitare a Berlino vi rimando a questo utile link dove troverete tutte le informazioni che possono servirvi.

[Info pratiche per il Pergamon: aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18, il giovedì fino alle 20. Il biglietto costa 12€].

Nelle vicinanze dell’isola dei Musei vi è il Duomo di Berlino, visitabile, spettacolare esempio di arte classica e, ad oggi, il più grande centro protestante berlinese.

Il Duomo ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Cosa vedere a Berlino: Castello di Charlottenburg e la Kaiser Wilhem Gedachtnis.

Se amate visitare i castelli, vi consiglio una tappa al Castello di Charlottenburg.

Si tratta di una visita guidata all’interno del sontuoso edificio, percorrendo le regali stanze e percorrendo l’esteso giardino in stile rococò. Il castello costituiva la dimora estiva della famiglia reale prussiana fino ai primi anni del ventesimo secolo. La stanza più caratteristica è sicuramente la Porzellankabinett, una galleria di specchi interamente ricoperta da porcellane cinesi.

Nelle vicinanze del Charlottenburg non perdetevi la Kaiser Wilhem Gedachtnis Kirche: la Chiesa è composta da due strutture indipendenti di cui una è stata lasciata in stato di abbandono dopo i bombardamenti del 1945, ancora visibili soprattutto sul tetto, dove vi è una vera e propria apertura, lasciata così per costituire un monito contro la guerra. L’altra parte è stata restaurata per rappresentare la pace e la riconciliazione.

[Info pratiche per Charlottenburg: aperto da Martedì a Domenica, orario 10 – 18. La fermata metro è Richard Wagner Platz, sulla linea U7.]

Come muoversi a Berlino?

Come muoversi ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.
Come muoversi ~ Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Io ho trovato efficientissima e maledettamente affascinante la metropolitana di Berlino tanto cantata dai REM nella loro Uberlin. La metropolitana di Berlino si suddivide in U Bahn e S Bahn.

La U Bahn è quella sotterranea, una rete capillare che collega tutta Berlino. La S Bahn è quella di superficie, per i trasporti un po’ più lunghi e che collega anche i dintorni di Berlino. Unitamente alle U e alle S Bahn c’è una rete di trasporti altrettanto efficienti su ruote, gestito dalla BVG, con bus e traghetti.

Avete un giorno in più ?

Vi consiglio un giro in barca sul fiume Sprea per ammirare Berlino dall’acqua.

Oppure, la visita di Amburgo. Ecco cosa vedere ad Amburgo in un giorno. È raggiungibile comodamente da Berlino in qualche ora con Flixbus.

Ed è incantevole, oltre ad esser completamente diversa dalla capitale. Ha un fascino a sé.

Ne vale la pena! 😉

Nella cosmopolita Berlino, quante cose che puoi far.

Spero di esservi stata utile, e se avete domande non esitate a scrivermi!

Annalisa.

2 Comments

  1. Abbiamo la stessa idea di Berlino. Ci sono stata tanti anni fa ma mi è rimasta così impressa che ho deciso di tornarci, per vedere com’è cambiata e per rivederla con la maturità di oggi. grazie per i suggerimenti, tutti ottimi!

  2. A Berlino ci sono stata almeno quindici volte dal momento che vive mio figlio, ma credo che tu abbia compreso in pieno lo spirito della città, non è una città antica ovviamente ma ricca di eventi ed in continuo mutamento. Infatti sorrido quando una persona torna da Berlino e mi dice: ‘Ma non c’è nulla di antico!’ E grazie, è stata bombardata! Mi unisco a tutto quello che hai consigliato tranne, se posso fare un piccolo appunto, alla visita allo zoo perchè ti confesso che ne ho un ricordo tristissimo. Ma va comunque a gusti personali.

Lascia un commento

Inserisci il codice di verifica: *

Inline
Inline