Autore

Annalisa De Chirico

Browsing

Durante il mio on the road in Albania, girovagando questa mirabolante terra da Nord a Sud su due ruote, io e mio papà ci siam fermati in un luogo immerso completamente nella natura e dal potere incredibilmente rigenerante. Quando si parla di Albania, il viaggiatore medio suole storcere sempre un po’ il naso. Perché pervaso dal pregiudizio, condizionato da fallaci storie che una società passata ha attribuito al suo popolo, alle sue genti, perché in una convinzione di massa ormai formatasi tempo addietro e mai più rivisitata. Una mera questione di etichetta, insomma. Invece posso assicurarvi che l’Albania è una Terra mirabolante. A tratti ancora primitiva, a tratti evoluta e per questo eclettica e versatile. Presi sia dai tanti racconti dei viaggiatori letti sul web, che incuriositi dal nome, io e mio padre siamo andati ad esplorare questa località. Occhio Blu, la chiamano, o, in Albanese, Syri i Kalter. L’Occhio…

Riconoscerei la Valle d’Itria, della mia splendida Puglia, anche se non sapessi di trovarmici lì. I centri storici dipinti di bianco, la veduta immacolata sulla verde valle che s’estende ai piedi dei borghi, i dettagli fioriti delle abitazioni, le architetture insolite, le grigliate di carne, le terrazze affacciate su campi di ulivi e viti, masserie, trulli ed il mare all’orizzonte. Conosco bene la Valle d’Itria, adoro le architetture bizzarre di Alberobello, la regalità di Martina Franca, la deliziosa grazia di Cisternino, la accogliente Ostuni. Adoro tutta la cosiddetta “Murgia dei Trulli”. Ma a Locorotondo non c’ero mai stata prima. E così, in una ventilata domenica di Marzo, l’ho scoperta. La strada per arrivarci è già suggestiva di suo, è contornata da campagne colme di alberi di ulivo, da masserie e costruzioni rustiche, alcune lussuose altre lasciate a sé, e da pura ed incontaminata natura che sfuma dal verde dei prati…

Il Marocco è una terra magica. Una terra dal fascino proprio, una terra dall’anima duplice, una terra contesa tra Oceano e Mediterraneo. Come già scrivevo tempo fa nel mio post dedicato alle emozioni di un OnTheRoad Marocchino, è difficile spiegare quello che lascia nel cuore il Marocco, questa misteriosa e poliedrica Terra. Le sue Medine sono un dedalo formidabile di vicoli brulicanti di vetrine all’aperto, inebriati dagli odori delle spezie o degli incensi; di abili maestri, i maalem, che lavorano tutti i tipi di manufatti e tessuti; di asini caricati con le più strane mercanzie; di botteghe artigiane dai mille antichi mestieri ormai da noi dimenticati. Le piazze pullulano di vita soprattutto al calar del Sole. Minareti imponenti, nel cielo, ad indicare grandi moschee. S’incrociano donne che disegnano l’hennè sulle mani dei turisti, incantatori di serpenti, musicisti e cantastorie, abili guaritori con farmaci naturali e olio di Argan. L’anima del…

Capitale italiana dal 1946, la “Città della Lupa” sorge su sette colli (Palatino, Aventino, Campidoglio, Quirinale, Viminale, Esquilino e Celio), ai quali si aggiungono quelli del centro storico: Gianicolo, Pincio e Vaticano. Roma, capitale dell’impero romano, è un concentrato di storia: è la città dove, se si prova a chiudere gli occhi, si viene catapultati indietro di mille e mille anni, e ci si ritrova nell’antica Urbe, tra gladiatori e senatori. E’ la città dove, riaprendo gli occhi, quello che si è immaginato diventa realtà: la memoria del Senatvs Popvlvs Qve Romanvs (SPQR) è incisa ovunque. Ma Roma è anche la città della Dolce Vita, delle mille piazze e delle mille fontane. Roma è la città di Alberto Sordi, di Ennio Morricone e di Giulio Cesare. Roma è la città della carbonara e della cacio e pepe da gustare dinanzi ai monumenti più famosi di tutto il Mondo. Roma è…

Amo Cuba come forse nessun altro posto al Mondo. Ve ne parlavo già in un post dedicato alla scoperta dell’anima autentica di Cuba, scrivevo di Lei come una Terra unica nel suo genere. Ne ho amato i risvegli lenti, il suono degli zoccoli dei cavalli sui viali acciottolati; e al ritorno mi mancava l’immancabile urlo mattutino del panettiere per strada. Ho adorato gustarmi un guarapo sulla sedia a dondolo di un salotto cubano; ho deliziato il mio palato con le pietanze local preparate dall’hospitalero della mia casas particulares; da buona non fumatrice ho voluto provare a fumarmi un sigaro profumato stando affacciata ad una finestra sui campi di tabacco con la terra rossa. Ho adorato vagare senza meta tra i vicoli eleganti e fatiscenti di Trinidad, guardare le campagne selvagge viaggiando verso Guanayara e la Valle Viñales, conversare con i guajiros e apprezzarne la loro carnagione creola e i loro…

Phuket. Un’isola a tratti selvaggia, a tratti tanto (forse troppo) antropizzata. Per metà autentica, per metà falsata. Ma una cosa è certa: Phuket serba paesaggi naturali meravigliosi, tanto da esser diventata una delle mete turistiche balneari più ambite sia dal turismo di massa che dai viaggiatori in solitaria. E tralasciando la quasi triste nomea del turismo sessuale che quest’isola si porta dietro, limitata alle zone di Patong (con precisione a Bangla Road), sono del parere che Phuket nel suo piccolo sappia donare emozioni indimenticabili. Non amo particolarmente i luoghi di solo mare e relax, non vado dall’altra parte del Mondo per poltrire in spiaggia o per bermi cocktail in abiti succinti nella più disparata vita notturna. E’ nella mia etica di viaggio. Phuket per me è stata solo l’epilogo di un viaggio in Thailandia grandioso, e dopo aver vissuto per bene Bangkok e la Thailandia del Nord, ho scelto di…

Ciao viaggiatori! Oggi sul blog ospito l’articolo di Danila, del blog Una mamma si racconta, che ci parla di come affrontare un viaggio in camper con dei bambini: consigli ed informazioni utili per un’avventurosa famiglia on the road… parola di MAMMA! Annalisa Viaggiare con i bambini, lo sappiamo bene, a volte può essere stressante, ma se la maggior parte delle cose vengono pianificate bene, vi accorgerete di quanto invece è facile e divertente partire con tutta la famiglia. In camper con i bambini. Quando si deve partire con i bambini, la parola d’ordine è: nessuna improvvisazione. Questo ovviamente non vuol dire che dovete diventare pazzi nel definire ogni singolo dettaglio. Ma ci sono delle piccole cose che non devono assolutamente mancare quando ci sono i bambini. L’organizzazione degli spazi nel camper o la sosta nelle aree attrezzate, sono solo due degli accorgimenti che vi suggeriamo, per far si che il…

In occasione del Carnevale di Venezia, siam partiti nuovamente. Questa volta però, avendo già esplorato Venezia in lungo ed in largo, abbiamo deciso di soggiornare in una piccola perla veneta, conosciuta come “la piccola Venezia”: Chioggia. Io non avevo mai visto Chioggia, ne avevo solo sentito tanto parlare. E me ne sono innamorata, al primo incontro. Chioggia è un semplice, e seducente, “villaggio di pescatori”. Chioggia è colore, è bellezza, è fascino in una delicata decadenza. È il fluire quieto dei canali che accarezza le mura delle abitazioni, è malinconica e romantica nebbia che ti penetra e ti avvolge su un brano dei Radiohead. Chioggia è un’anima rimasta autentica, illesa, mai artefatta, è il sapore del “vecchio” mescolato al contemporaneo. Si vedono ancora le signore anziane stendere i panni su uno spago appeso tra un’abitazione ed un’altra, chiacchierare a gran voce con un dialetto quasi incomprensibile. Chioggia è architettura superlativa…

Ogni luogo ha la sua anima, questo non si può negare, ma ci sono alcuni luoghi in particolare che mescolano tante anime, diverse tra loro, a volte contrastanti ma ugualmente affascinanti. Proprio la nostra bella Italia rappresenta uno di questi luoghi incantevoli dalle mille anime grazie alle mille sfaccettature che offre il suo paesaggio variegato, da Nord a Sud dello stivale, tra colline, montagne, mari. Tra le sue bellezze eterogenee vi è l’Abruzzo, regione che negli ultimi anni sta diventando una tra le mete preferite dai turisti di tutto il Mondo, oltre a far breccia nel cuore di chi in Italia vi è nato. Sono moltissimi gli Italiani che ogni estate affollano il litorale Abruzzese per concedersi una vacanza all’insegna del relax, oltre che delle escursioni. Ed è proprio nel cuore pulsante dell’Abruzzo che si trova Giulianova, città storica di poco meno di ventiquattromila abitanti, che affascina e coinvolge. Anche…

Irlanda del Nord, una fioca giornata di Marzo, il cielo cupo e capriccioso. “Nubi gravide di pioggia, qualche raggio di Sole si ostina a filtrare inusualmente sui verdi prati della Contea di Antrim. Il cielo capriccioso, plumbeo e mai terso. Quattro ruote sfrecciano su una piccola strada attorniata da enormi distese di campi e, come costante compagno di viaggio, lateralmente, l’Oceano Atlantico”. Quanta meraviglia mi ha destato l’Irlanda lo sapete già, ne ho parlato nel mio post Irlanda: ti annega di verde, ti copre di blu. Queste ultime parole cantate dalla Mannoia non sono a casaccio, le ho scelte perché quello che lei canta è proprio la realtà. Il cielo capriccioso, il verde, il blu. Una donna che cambia spesso umore. E allora, dopo essermi vissuta per bene Dublino, ho deciso di girare un po’non rimanendo solo nell’allegra capitale. Sì, perché non si può dire di esser stati in Irlanda…

Inline
Inline