Archive

gennaio 2019

Browsing

Decidere di intraprendere un viaggio in barca a vela affidandosi alle capacità e alle competenze di altre persone non è un passo facile, perché in questo ambito è necessario avere, oltre ai titoli e all’esperienza, la giusta dose di serietà nell’organizzazione. Se gestita male, potrebbe infatti rivelarsi un’esperienza tutt’altro che piacevole. La scelta migliore, in questo caso, è quella di rivolgersi ad una società estremamente affidabile come la Mistral Sailing, che organizza vacanze settimanali o della durata di un week-end su catamarani super attrezzati e accoglienti, dotati di ampie cabine con bagno privato, che consentono di godersi comodamente una traversata in mare. Si può così avere la possibilità di visitare in tutta tranquillità la meta scelta. Io, ad esempio, posso consigliarvi la scoperta della Corsica in catamarano, una meta eccezionale se siete alla ricerca di un mare cristallino e di una natura un po’ più selvaggia. L’itinerario previsto dalla Mistral…

Siracusa. Una signora con le rughe, datata almeno duemilasettecento anni. Durante il mio on the road in Sicilia, questa Terra intrisa di leggende e miti, di storia e meraviglia, culla della civiltà greca e romana e teatro di un susseguirsi impetuoso di dominazioni, ho fortemente voluto conoscere da vicino questa perla siciliana di cui si sente spesso parlare. E allora piacere di incontrarti, Siracusa. Non tutti lo sanno, difatti: ai tempi dell’Ottocento, le ricche famiglie aristocratiche Europee esortavano i loro figli, una volta raggiunta la maggior età, a viaggiare in lungo e largo per l’Europa con un unico fine: arricchire il loro sapere con arti, storia, usi, costumi e tradizioni. Era il famigerato Grand Tour. La maggior parte dei giovani sceglieva l’Italia, o meglio, la Sicilia come meta assoluta del loro viaggio, in quanto patria e testimonianza di una mescolanza di storie e dominazioni, tra cui le più antiche: greche…

Ad una cinquantina di chilometri da Matera, abbarbicato su una collina che si erge maestosa sulla valle dei calanchi, c’è Craco, il famoso paese fantasma della Basilicata. La strada per arrivarci è impervia e tortuosa da percorrere in auto, perché piena di curve ed in salita, ma il panorama sulla valle è così bello che la fatica viene facilmente ripagata. Craco ha una storia quasi tragica, segnata da eventi naturali inevitabili che ne han fatto di lei un paese fantasma, abbandonato da tutti, dimenticato per anni. E dopo tempo, ne rimane sana la memoria: oggi Craco è famosa per esser diventata per antonomasia la città fantasma della Basilicata, teatro di set cinematografici e di migliaia di turisti che incuriositi dal suo travagliato destino la scelgono come meta per passarci una mezza giornata durante il loro viaggio. [Forse può interessarti anche: Metaponto, la Basilicata culla della Magna Grecia] Craco, città fantasma…

Inline
Inline