Archive

giugno 2017

Browsing

Situata nel cuore del Bel Paese, con poco meno di centomila abitanti, Lucca è una provincia toscana tra l’Appennino e la costa tirrenica del Mar Mediterraneo. Rinomata città d’arte e cultura, deve al Medioevo italiano il suo grande fascino: ricca di monumenti come chiese medievali, torri e palazzi storici, soprannominata la “Città dalle cento Chiese”, il suo marchio di fabbrica è la cinta di Mura cinquecentesca, attrazione che da sola richiama turisti senza aver niente da invidiare ai monumenti delle città più famose. Il territorio cittadino varia da un’altitudine di 950 metri sul livello del mare fino ad uno solo, caratteristica che permette alla terra di dar vita a diversi tipi di agricoltura, dai cereali ai pioppi, dalla vite ed all’ulivo, e che regala ai lucchesi un clima profondamente mediterraneo sebbene rispetto alla norma conti inverni più rigidi ed estati meno secche. Tra i nomi che può vantare Lucca non si…

Chi segue la mia pagina Facebook, o chi mi legge da un po’, saprà già che la mia passione viscerale per il viaggio nasce dalla mia fantastica nonna: vedova, ottantenne, e soprattutto costante viaggiatrice, da sempre. Ha girato il Mondo in lungo e in largo, prediligendo lo slow travel: in bus dalla fredda Russia ai fiordi della Scandinavia, dalla verde Irlanda al grigiopaco Regno Unito, alla calda e ventilata penisola iberica, ai piatti brodosi dell’Est Europa. Dalle Canarie alle Baleari, al nostro bel Paese: insomma la sua casa brulica di guide di viaggio, souvenirs e calamite. Sono cresciuta così, ed è assolutamente il luogo in cui mi sento davvero a casa e ritrovo me stessa. E per il compleanno di un’abituale viaggiatrice, quale miglior regalo di una giornata fuori? 🙂 Abbiamo scelto di portarla alle Cascate di San Fele, un meraviglioso sito naturalistico al centro dell’Appennino Lucano, che vanta incantevoli…

La maglietta viaggio: una valida compagna di avventure. La partenza si avvicina nuovamente, e con essa l’attesissimo momento di trepidazione: la preparazione dello zaino da Backpacker. È diventato ormai un rito, per me, in ogni singolo viaggio. E mi piace da matti organizzare tutto quel che devo portare con me, ponendolo tutto sul letto, ancor prima di inserirlo nello zaino. Seleziono sempre con cura cosa portare e cosa lasciare. Avendo uno zaino 40LT, lo spazio è sempre poco e concentrato, quindi inizio sempre dalle cose essenziali per poi scegliere l’abbigliamento completo da indossare in viaggio. Molti viaggiatori portano sempre con sé, nello zaino, una mascotte di viaggio. Per alcuni la mascotte è un indumento. Una felpa, o i pantaloni di fiducia, pratici e versatili. E se, oltre alla felpa e ai pantaloni da viaggio, ci fosse anche una maglietta personalizzata? La maglietta viaggio potrebbe essere una nuova e fedele compagna…

Nel mio scorso articolo, vi ho largamente parlato del mio ritorno in Albania, e del mio Amore smisurato per questa Terra paesaggisticamente versatile, ma quasi sconosciuta e, ormai, etichettata con pregiudizi e storie non più realmente esistenti. Vi spiegavo, anche, che il miglior modo per scoprirla è guidando con la propria auto o, meglio ancora, con una moto. Questo permette di abbreviare il tempo di percorrenza sugli autobus o sui Furgon (trasporti locali di privati con orari random), ideale per pochi giorni a disposizione, e di potersi fermare dove si vuole. La condizione delle strade non è così pessima come descritta in alcuni blog:  come per l’Italia, anche l’Albania ha delle strade percorribili tranquillamente, e strade un po’ meno popolate e quindi tenute malissimo, ma non allarmatevi. L’autostrada in Albania non esiste, potrete al massimo trovare delle super strade che sono come le nostre comuni statali, a due corsie per…

Non torno mai due volte nello stesso posto. O almeno, spesso è così. Preferisco dedicare i miei giorni di ferie, sempre contati, alla scoperta di luoghi nuovi, di paesaggi naturali ed urbanistici mai visti né vissuti prima. Per l’Albania, però, non ha funzionato. Ci sono stata per alcune giornate, ho trascorso il mio tempo, ho scovato meraviglie, sono tornata a casa. E, dopo un anno, ci son voluta ritornare, per assaporarne ancora, di questa Terra brulla e bistrattata, e per scoprirla nuovamente. Su altre strade, con nuovi occhi. Brulla e bistrattata. Nel senso etico dei termini. Quando si parla di Albania, il viaggiatore medio suole storcere sempre un po’ il naso. Perché pervaso dal pregiudizio, condizionato da fallaci storie che una società passata ha attribuito al suo popolo, alle sue genti, perché in una convinzione di massa ormai formatasi tempo addietro e mai più rivisitata. Una mera questione di etichetta, insomma.…

Hemingway scriveva che ci sono solo due posti al Mondo dove si può vivere felicemente: a casa e a Parigi. E non sbagliava: Parigi, con i suoi quasi trenta milioni di turisti l’anno, è una delle città più visitate al Mondo. Romantica, elegante, di charme, artistica, poetica, malinconica, ma anche vintage e a volte grigia. Parigi è la città dei tanti primati. Dalla fama dei suoi grandi musei, come il Louvre o il Museo d’Orsay, all’atmosfera della Boheme presente ancora a Montmartre, dove tra antichi caffè, la collina con i vigneti del Sacre Coeur, e gli artisti di strada, sembra che da un momento all’altro possano sbucare ancora i grandissimi dell’epoca: Picasso, Modigliani, Van Gogh. La Tour Eiffel illumina dall’alto la Senna e tutta la città, gli Champs Elysees sfoggiano lussuose vetrine addobbate perfettamente, il Moulin Rouge ancora offre spettacoli di burlesque al sapore di champagne, ed il palato si…

Marocco, terra dal fascino proprio, terra dall’anima duplice, terra contesa tra Oceano e Mediterraneo. Marocco, l’estasi dei sensi. L’anima del viaggiatore si inebria, tra profumate Tajine al gusto di Cous Cous e verdure lesse, coloratissime spezie sfuse nei contenitori di metallo in giro per i souq, meravigliosi quadretti di vita quotidiana nei vicoli delle Medine. Al ritmo onnipresente dell’adhan, il richiamo serale alla preghiera, frammisto all’esoticità della musica classica arabo-andalusa, alle sonorità quasi malinconiche della musica Gnaoua. E’difficile spiegare quello che lascia nel cuore il Marocco, questa misteriosa e poliedrica Terra. Le sue Medine sono un dedalo formidabile di vicoli brulicanti di vetrine all’aperto, inebriati dagli odori delle spezie o degli incensi; di abili maestri, i maalem, che lavorano tutti i tipi di manufatti e tessuti; di asini caricati con le più strane mercanzie; di botteghe artigiane dai mille antichi mestieri ormai da noi dimenticati. Di distese e di vaste…

CHE FACCIAMO DOMENICA ? …NO PROBLEM ! 🙂 Proprio per la teoria “Si può viaggiare anche stando nella propria città!”, la gioia di chi non sa stare mai a casa e di chi ama viaggiare anche nel proprio territorio, sta per compiere tre anni. A partire dal Luglio 2014, difatti, in applicazione della norma del decreto Franceschini, ogni prima Domenica del mese è prevista la gratuità del biglietto nei luoghi monumentali di proprietà dello Stato, quali parchi archeologici, musei, castelli, pinacoteche, giardini, scavi. L’iniziativa è stata denominata #DomenicaAlMuseo: un hashtag con il quale si può seguire e farsi seguire su tutti i social network, ogni prima Domenica del mese. Una bella iniziativa, per poter valorizzare i beni culturali locali e per favorirne l’incoming. E voi, dove andrete questa Domenica ? 🙂 Di seguito, tutti i siti visitabili gratuitamente, suddivisi per regione: Click Here !